L’ONU riconosce ufficialmente che la cannabis ha proprietà medicinali

CANNABIS ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ

Classificazione OMS della cannabis

La Commissione delle Nazioni Unite sugli Stupefacenti (CND) ha votato per rimuovere la cannabis e la resina di cannabis dalla lista delle droghe pericolose sottoposte a un controllo più severo. La Commissione ha votato per accettare la raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), riconoscendo sostanzialmente il valore terapeutico della cannabis spostandola nella molto meno restrittiva Schedule I. La Commissione ha votato anche per accettare la raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), riconoscendo sostanzialmente il valore terapeutico della cannabis spostandola nella molto meno restrittiva Schedule I.

La cannabis non è più considerata una droga pericolosa (finalmente!)

La CND ha compiuto un passo pionieristico verso il riconoscimento delle proprietà curative della cannabis, votando per rimuoverla dalla lista delle droghe più pericolose. In risposta, l’OMS ha raccomandato di spostare la cannabis nella Tabella I, che prevede controlli molto meno severi, un’azione che è stata sostenuta all’unanimità da tutti i membri di questo storico incontro.

Il voto è stato approvato a maggioranza semplice dagli Stati dell’UE (ad eccezione dell’Ungheria) e dall’America. Vale la pena menzionare l’opposizione della maggior parte dei Paesi asiatici e africani (ad eccezione di India e Marocco, ad esempio). Di conseguenza, la cannabis e la sua resina vengono rimosse dall’Allegato IV della Convenzione Unica sugli Stupefacenti del 1961, segnando una pietra miliare nella storia della cannabis.

La decisione dell’ONU fa seguito alle raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) del 2019 di rimuovere la cannabis dalla Tabella IV in quanto non particolarmente dannosa. Si tratta di uno dei più importanti cambiamenti nella politica sulle droghe degli ultimi decenni. Finora la cannabis è stata classificata allo stesso livello di altre droghe come l’eroina.

Quale sarà l’impatto di questo cambiamento?

Questo è il primo passo per accelerare la ricerca medica su questa sostanza. Sono già stati ottenuti risultati promettenti nel trattamento di alcuni effetti del morbo di Parkinson, della sclerosi multipla, dell’epilessia, del dolore cronico e persino di alcuni tipi di cancro.

Gli usi benefici della cannabis sono riscontrabili in molte malattie, perché ha un effetto su quasi tutti gli organi del corpo. Questo perché i principi attivi della pianta (cannabinoidi) attivano il sistema endocannabinoide, presente in quasi tutti i sistemi del corpo.

La decisione dell’OMS riguarda solo le preparazioni medicinali e farmaceutiche, non tutti i prodotti a base di CBD.

Raccomandazioni dell’OMS sul consumo di cannabis

La raccomandazione dell’OMS è che i farmaci a base di CBD con meno dello 0,2% di THC siano esentati dal controllo sulle droghe, come già avviene per il CBD puro. Il regolamento riguarda solo le preparazioni farmaceutiche a scopo terapeutico, escludendo i prodotti a base di CBD che non sono regolamentati come tali.

Nonostante la rimozione della pianta dalla classificazione degli stupefacenti più pericolosi, il suo uso ricreativo rimane vietato dal diritto internazionale. In altre parole, l’attuale decisione non prende in considerazione nelle sue raccomandazioni i cosiddetti prodotti a base di CBD di canapa, utilizzati per scopi non medici. Tuttavia, più di 50 Paesi hanno avviato programmi per promuovere ulteriormente le politiche e la ricerca sulle proprietà curative della cannabis.

C’è ancora un po’ di strada da fare

Il vero dibattito sui prodotti a base di CBD risiede nella definizione di ciò che è per uso farmaceutico o medicinale e ciò che è per uso di integrazione alimentare. La differenza potrebbe risiedere nella dose giornaliera raccomandata. Conosceremo queste decisioni quando l’Unione Europea regolerà il CBD come Novel Food.

Olio di CBD all'ingrosso

La cannabis è una delle piante medicinali più antiche dell’umanità e siamo felici di sapere che è più vicina al posto d’onore che merita. Da parte nostra, noi di Cannactiva continueremo a difendere i prodotti di canapa.

Controlliamo la pianta durante la sua crescita, curando ogni dettaglio per ottenere prodotti CBD della migliore qualità possibile. Non utilizziamo pesticidi o erbicidi per le nostre coltivazioni e nutriamo le piante con passione. I processi di fabbricazione dei nostri prodotti sono i più avanzati del mercato. Ma soprattutto, i nostri prodotti sono testati in laboratori terzi certificati per garantire l’eccellenza della qualità e della sicurezza dei prodotti. Crediamo nella trasparenza durante l’intero processo di produzione e vendita dei nostri prodotti CBD. Scoprite le novità del nostro sito e cosa può fare la cannabis per voi. Ci piace portarvi il meglio della natura!

Isidre Carballido
Fondatore e CEO di Cannactiva | Esperto di cannabis

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)