Bisabololo: il terpene dolce e floreale della camomilla, presente anche nella cannabis.

Il bisabololo, un terpene floreale della camomilla nella cannabis

In questa occasione ci addentreremo nel mondo del bisabololo, un terpene presente nella cannabis che affascina i nostri sensi con il suo dolce e delicato aroma floreale. Viene spesso associato alla camomilla, perché è il componente principale del suo olio essenziale. Vi invitiamo a scoprire questo tocco aromatico delle gemme di CBD inquesto post e a saperne di più sull’aroma, gli effetti e le proprietà del bisabololo nella cannabis.

Bisabololo: cos’è e che effetto ha questo terpene sulla cannabis?

Introduzione al terpene bisabololo e al suo aroma

Una giornata di lavoro frenetico si è conclusa. La notte era già molto buia, il divano chiedeva compagnia e la voglia di cenare era poca. Con lo stomaco che si restringeva e si agitava e la mente stanca, era necessario un infuso per lasciare spazio al riposo. Una camomilla. Oggi, per favore!

La calma arrivò ancora prima di bere la tisana dalla tazza fumante che emanava un profumo caldo e dolce. Il vapore dell’infuso riempì la stanza, permeando l’aria con il suo aroma rilassante. Quanto facilmente si potrebbe mettere a tacere lo stress della giornata? Così semplice, sì, ma anche così complesso. Il segreto dell’aroma calmo e inebriante della camomilla risiede nel bisabololo, il terpene con proprietà lenitive presente in questo post.

Che cos’è il bisabololo?

Il bisabololo, o alfa bisabololo, è un terpene, un elemento organico che non possiamo vedere, ma che possiamo annusare. Impercettibile all’occhio, conferisce aroma e sapore ad alcune piante, tra cui la cannabis. Come altri terpeni, oltre ad essere responsabile dell’aroma di alcune varietà, è un composto attivo che ha benefici di per sé, oltre ad avere effetti positivi se combinato con altri terpeni e cannabinoidi.

Il bisabololo ha un aroma floreale caratteristico, delicato e dolce, spesso paragonato alla camomilla e al miele.

La funzione del bisabololo nelle piante è quella di agire come difesa, una sorta di “arma chimica” contro parassiti o predatori. Nella cannabis non è uno dei terpeni più abbondanti, ma contribuisce come sottofondo ai profili aromatici e gustativi delle varietà, fornendo note floreali dolci.

Le sue proprietà comprendono proprietà cicatrizzanti, antinfiammatorie, antimicrobiche e antinfiammatorie della pelle. Si tratta quindi di un terpene comunemente utilizzato dall’industria cosmetica non solo estratto naturalmente dalle piante, ma anche da repliche sintetiche.

Chimica

Il bisabololo, α-bisabololo o levomenolo, appartiene alla famiglia dei sesquiterpeni . I sesquiterpeni sono terpeni composti da tre unità isopreniche di 5 carboni ciascuna e, nel caso dell’α-bisabololo, contengono un gruppo alcolico nella loro struttura. La sua composizione a 15 carboni lo rende un terpene consistente e pesante.

È quindi meno suscettibile alla degradazione rispetto a un monoterpene come il limonene o il mircene (più leggero, più fragile). Essendo più pesante di altri terpeni più leggeri, il bisabololo è più sottile all’olfatto: è meno volatile di un monoterpene, e per identificare il suo aroma è necessario un olfatto più acuto.

Aroma

Il bisabololo emette un aroma dolce con un profilo floreale. È una fragranza delicata e accogliente, senza toni discordanti. Un odore uniforme, senza sorprese amare o piccanti. Il modo più semplice per decifrare le caratteristiche di questo sesquiterpene è pensare a una camomilla fumante. Un odore dolce arriva al vostro naso? Con una macchia fiorita e secca? E in questa fragranza avvolgente, non c’è qualcosa che vi ricorda il miele? Questi profili organolettici della camomilla sono il risultato del bisabololo.

Dove si trova il bisabololo?

Il bisabololo è un terpene presente in varie piante e alberi di specie molto diverse. Tra le piante che producono bisabololo, la più nota è la camomilla (Matricaria chamomilla), che contiene circa il 40% di alfa-bisabololo nel suo olio essenziale.

Si trova anche in piante meno conosciute, come la candeia(Vanillosmopsis erythropappa), l’arbusto Myoporum crassifolium, l’alloro nero(Nectandra megapotamica), il Laserpitium zernyi e la Plinia cerrocampanensis (1).

Il bisabololo si trova anche nella cannabis. Più precisamente, viene prodotta in piccole strutture chiamate tricomi.

Ceppi di cannabis ricchi di bisabololo

Raramente ci si imbatte in una varietà di cannabis che profuma di camomilla. Sì o no? Sarebbe difficile trovare un esemplare di cannabis che riproduca l’aroma della Matricaria chamomilla, perché il bisabololo non è di solito il terpene predominante di nessuna varietà. Nella cannabis, questo sesquiterpene si trova a bassi livelli, il che si traduce in sottotoni.

Quando percepiamo una fragranza dolce e floreale in alcuni boccioli, è probabilmente dovuta alla presenza di bisabololo. Ma ci saranno sempre delle sfumature. Naturalmente, la selezione della cannabis sta progredendo così velocemente e si sta concentrando così tanto sui profili terpenoidi dei ceppi che è solo questione di tempo prima di riconoscere la camomilla in qualche ibrido futuro.

Fiori di CBD ricchi di bisabololo

I ceppi di CBD più ricchi di bisabololo di Cannactiva sono i seguenti:

Le varietà di marijuana ricche di bisabololo: le sfumature arricchenti delle leggendarie genetiche nordamericane

Una varietà con livelli rilevanti di bisabololo è la North American Headband. Questo ibrido a predominanza Indica, risultato dell’incrocio tra OG Kush e Sour Diesel, è una genetica molto apprezzata dagli amanti degli aromi “petrol”. Kush .

Quanti intenditori non inseguono quell’odore forte, erbaceo all’inizio con note agrumate in seguito e benzina alla fine, che ha fidelizzato tanti intenditori nel corso degli anni. Con Headband, questa fragranza è addolcita dalle note floreali e dolci del bisabololo.

Qualcosa di simile accade con la Master Kush, la OG Shark o la Pink Kush e, ovviamente, con il precursore di tutte: la OG Kush. Tutti questi ceppi producono livelli di questo sesquiterpene superiori allo 0,12%.

Può sembrare una percentuale insignificante, ma se consideriamo che una varietà di cannabis ricca di terpeni ha livelli tra il 2 e il 4% in totale, possiamo capire che lo 0,12% non è una quantità molto alta, ma è significativa.

Che effetto ha il bisabololo sulla cannabis?

Il bisabololo prodotto dalla cannabis ha gli stessi effetti del terpene prodotto dalla camomilla o da altre piante. Solo nel caso dell’alfa bisabololo presente nella marijuana o nella canapa, esso può potenziare gli effetti degli altri principi attivi della pianta (altri terpeni e cannabinoidi) come risultato dell’effetto “entourage” della cannabis. effetto entourage della cannabis .

Poiché è stato scientificamente provato dal chimico Raphael Mechoulam che i cannabinoidi e i terpeni si sinergizzano a vicenda, possiamo dedurre che il bisabololo migliorerà la risposta del nostro sistema endocannabinoide ai principi attivi della cannabis.

Tuttavia, non esistono ancora studi scientifici che indichino quali terpeni e quali cannabinoidi il bisabololo sia in grado di potenziare. Ma una cosa è chiara: il bisabololo arricchirà la vostra esperienza con la cannabis.

Perché un singolo composto offre meno benefici di un ceppo con tutti i suoi principi attivi in totale. Per parafrasare il titolo dello studio Il caso dell’effetto Entourage e dell’allevamento convenzionale di cannabis clinica: nessun “ceppo”, nessun guadagno di Ethan Russo, medico, neurologo e ricercatore in psicofarmacologia, per sottolineare che quando un particolare chemiotipo di cannabis viene utilizzato con tutta la sua gamma di composti, i suoi effetti vengono amplificati.

Proprietà e benefici del bisabololo

Il bisabololo è un sesquiterpene con proprietà antitumorali, neuroprotettive, cardioprotettive e antimicrobiche (1). Inoltre, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti, è un composto molto comune in molti prodotti cosmetici. prodotti cosmetici (provate a digitare bisabololo su Google e vedete quali risultati “cremosi” vi darà il motore di ricerca).

È un elemento così comune in settori popolari come la cosmetica e la profumeria perché è un ingrediente completamente regolamentato per l’uso umano. In realtà, già prima della sua catalogazione, la letteratura scientifica afferma che il bisabololo è un terpene utilizzato da anni nella medicina tradizionale, anche se in questo caso il composto attivo non è stato estratto dalla cannabis, ma dalla camomilla.

Per la pelle

Il bisabololo è presente nella formulazione di numerose creme, sia farmaceutiche che cosmetiche, per le sue proprietà di riduzione dell’infiammazione cutanea e come potenziale agente efficace per dermatiti, melasma (macchie cutanee) ed eczemi.

La proprietà antinfiammatoria del bisabololo per la pelle è dovuta alla sua capacità di ridurre la produzione di citochine (proteine del sistema immunitario che causano infiammazioni nella pelle), come riportato in diversi studi (2).

Inoltre, i benefici del bisabololo sono stati dimostrati anche nel trattamento delle macchie scure o dell’iperpigmentazione della pelle, del melasma, quello squilibrio della pigmentazione cutanea per cui l’esposizione al sole provoca macchie sulla pelle come conseguenza di disturbi infiammatori della pelle. Nel corso di questo studio clinico (3) è stata applicata una crema all’alfa-bisabololo su 28 donne con questo problema e dopo 8 settimane si è constatato che in tutte le donne le macchie cutanee si erano notevolmente schiarite.
I benefici del bisabololo, in combinazione con altri principi attivi come la glicerina o lo zinco (a seconda della formulazione della crema utilizzata nello studio), sono stati notati anche in uno studio clinico in cui è stato riscontrato che il bisabololo è miglioramento delle irritazioni cutanee nei bambini con problemi di dermatite atopica (4).

Per il dolore

Un’altra proprietà ben studiata del bisabololo è il suo effetto lenitivo, utilizzato sia per le condizioni della pelle che per i disturbi gastrointestinali. Chi non ha mai bevuto una camomilla per il mal di pancia?

Ciò è dovuto alle proprietà analgesiche del bisabololo e alla sua capacità di ridurre la percezione del dolore (antinocicezione). In studi preliminari sul dolore cronico, l’α-bisabololo ha dimostrato di ridurre la sensibilizzazione al dolore e di alleviare il dolore. Inoltre, è stato osservato che può avere effetti positivi nel ridurre l’infiammazione associata al dolore cronico (1).

Questo fa sì che il bisabololo sia un componente prezioso nei prodotti per alleviare il dolore da diverse cause, e potremmo vederlo sempre più presente in creme per il dolore .

Altre proprietà del bisabololo

Il bisabololo viene studiato anche per il suo potenziale come neuroprotettore nelle malattie neurodegenerative, un campo che rappresenta ancora oggi una grande sfida per la scienza. Le sue proprietà antiossidanti, antiaggreganti e antiapoptotiche possono contribuire a preservare l’integrità e la funzione neuronale.

Sono state notate anche le sue proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, potenzialmente utili in un’ampia gamma di condizioni. Naturalmente, anche le sue proprietà gastroprotettive, strettamente legate agli usi tradizionali della camomilla, sono state dimostrate da alcuni studi.

Tuttavia, la ricerca è ancora in corso per comprendere tutti i meccanismi d’azione dell’α-bisabololo.

Questo per quanto riguarda la visita a uno dei templi organolettici della cannabis. Come al solito, il nome bisabololo può sembrare estraneo, ma si vede che è molto presente nella nostra vita quotidiana. Vi invitiamo a sperimentarlo nelle nostre varietà di cannabis!

Referencias
  1. Eddin LB, Jha NK, Goyal SN, Agrawal YO, Subramanya SB, Bastaki SMA, Ojha S. Benefici per la salute, effetti farmacologici, meccanismi molecolari e potenziale terapeutico dell’α-Bisabololo. Nutrienti. 2022 Mar 25;14(7):1370. doi: 10.3390/nu14071370. PMID: 35405982; PMCID: PMC9002489.
  2. Maurya AK, Singh M, Dubey V, Srivastava S, Luqman S, Bawankule DU. L’α-(-)-bisabololo riduce la produzione di citochine pro-infiammatorie e migliora l’infiammazione cutanea. Curr Pharm Biotechnol. 2014;15(2):173-81. doi: 10.2174/1389201015666140528152946. PMID: 24894548.
  3. Lee J, Jun H, Jung E, Ha J, Park D. Effetto sbiancante dell’alfa-bisabololo in soggetti asiatici di sesso femminile. Int J Cosmet Sci. 2010 Aug; 32(4):299-303. doi: 10.1111/j.1468-2494.2010.00560.x. PMID: 20642768.
  4. Licari A, Ruffinazzi G, DE Filippo M, Castagnoli R, Marseglia A, Agostinis F, Puviani M, Milani M, Marseglia GL. Una crema a base di amido, glicirretina, ossido di zinco e bisabololo nel trattamento della dermatite atopica cronica da lieve a moderata nei bambini: uno studio tricentrico in cieco con valutatore. Minerva Paediatr. 2017 Dec;69(6):470-475. doi: 10.23736/S0026-4946.17.05015-0. PMID: 29181960.

Jásminka Romanos
Periodista especializada en comunicación para el sector del cannabis

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)