La migliore coltivazione di CBD: indoor vs. outdoor vs. serra

Coltivazione legale di cannabis CBD

Conoscere le differenze tra coltivazione indoor vs. outdoor vs. serra è interessante non solo per chi è nuovo nel mondo della coltivazione della cannabis, ma anche per i consumatori che stanno cercando di acquistare CBD online .

In questo post parliamo delle differenze tra questi metodi di coltivazione, di come possono influenzare le caratteristiche del prodotto finale e di quale sia il tipo di coltivazione migliore.

Le principali differenze tra coltivazione di cannabis indoor, outdoor e in serra

La differenza fondamentale tra la coltivazione di CBD al chiuso e all’aperto è l’esposizione alle condizioni ambientali di luce, temperatura e umidità, nonché alle possibili intemperie.

Per quanto riguarda la coltivazione di serra per cannabis o coltivazione in serra, è considerata un tipo di coltivazione intermedia, in quanto permette di beneficiare di alcune condizioni della coltivazione all’aperto, come la luce naturale, e di ottimizzazioni indoor, come il supporto della luce artificiale o un maggiore controllo delle condizioni ambientali, rispetto alla coltivazione all’aperto.

Ciò comporta differenze nelle condizioni di coltivazione e nei costi, sia in termini di infrastrutture che di manutenzione e produzione. Inoltre, a seconda del tipo di coltura, anche la qualità del prodotto finale ne risente.

Qual è il tipo di coltivazione migliore per la cannabis?

In realtà, non è sempre possibile generalizzare le differenze tra un tipo di coltivazione e l’altro, ma il risultato finale dipende in ultima analisi da ogni singolo caso. La conoscenza e la tecnica del coltivatore, la genetica del seme e il processo di essiccazione e stagionatura della cannabis sono fattori decisivi per la qualità del prodotto finale. Dopo aver contestualizzato questo punto, analizziamo le differenze fondamentali di ciascun tipo di coltivazione sulla qualità della cannabis.

Tipi di gemme di CBD - coltivazione in serra indoor e outdoor
Tipi di gemme di CBD – coltivazione in serra indoor e outdoor

Confronto: Cannabis Indoor vs. Cannabis Indoor. All’aperto vs. all’aperto. Serra

Potenza

In generale, la coltivazione indoor della cannabis consente un controllo più ottimale delle condizioni di coltivazione. Ciò determina un ambiente ideale per massimizzare la produzione di componenti attivi come THC, CBD e altri cannabinoidi. Avendo il controllo completo su fattori quali luce, temperatura, umidità e nutrizione delle piante di cannabis, i coltivatori possono regolare queste variabili per favorire lo sviluppo di cime con alte concentrazioni di resina, compresi cannabinoidi e terpeni.

Inoltre, la coltivazione in un ambiente chiuso offre un maggiore controllo su eventuali infestazioni e malattie, oltre alla possibilità di ottenere un’eccezionale uniformità del prodotto finale. Questo approccio colturale è la scelta preferita dai consumatori più esigenti che cercano qualità e consistenza specifiche.

Strutture legali per la coltivazione di cannabis al chiuso.

D’altra parte, la coltivazione in serra può essere vista come un mix equilibrato tra coltivazione indoor e outdoor. Nell’ambiente protetto di una serra, le piante sono al riparo dalla pioggia e dal vento, mentre sfruttano la luce del sole per ottimizzare la fotosintesi e facilitare il controllo preciso della temperatura.

La gestione di una coltura in serra può variare molto a seconda del livello tecnologico dell’infrastruttura. Le serre possono variare da semplici tunnel di plastica montati su strutture, a grandi strutture di vetro note come serre, che possono raggiungere gli 8 metri di altezza ed essere dotate di tecnologie all’avanguardia, tra cui sistemi di irrigazione, illuminazione artificiale e controllo climatico avanzato.

Coltivazione di cannabis CBD legale in serra
Impianti di coltivazione della cannabis in serra.

La coltivazione all’aperto è invece l’opzione più economica, ma con una maggiore esposizione a parassiti e malattie. Le piante vengono di solito coltivate direttamente nel terreno piuttosto che in vaso. La qualità del suolo, la disponibilità di nutrienti e la vita microbica giocano un ruolo essenziale nell’ottenere fiori profumati e di alta qualità nella coltivazione della cannabis all’aperto.

La cannabis coltivata all’aperto può avere sfumature uniche in termini di aroma e sapore, influenzate dalla composizione e dalle condizioni del suolo, analogamente a come il vino trae il suo carattere distintivo dal suo specifico terroir.

Coltivazione di cannabis all'aperto
Coltivazione di cannabis all’aperto.

Aroma

L’aroma della cannabis è determinato dal suo contenuto di terpeni. Non dobbiamo dimenticare che questi composti sono come difese naturali utilizzate dalla pianta per proteggersi dalle avversità, come i parassiti o le condizioni climatiche avverse.

Nel consumatore di cannabis, gli effetti dei terpeni sono molto diversi. Questi composti aromatici possono provocare o aumentare le sensazioni di rilassamento, sedazione o euforia, in sinergia con i cannabinoidi, contribuendo al cosiddetto effetto indica o sativa della cannabis.

Lo stesso seme può produrre terpeni diversi tra interno ed esterno?

In generale, il profilo terpenico di una varietà di cannabis è determinato principalmente dal suo codice genetico. In generale, il profilo terpenico sarà coerente, sia che i semi siano coltivati al chiuso o all’aperto, purché si tratti della stessa varietà genetica.

La chiave per ottenere la massima espressione genetica di terpeni e cannabinoidi, indipendentemente dall’ambiente di coltivazione, sta nella gestione della coltura stessa.

Colocón: Cos’è più, una serra interna ed esterna?

L’intensità dello “sballo” che una varietà di cannabis produce non dipende solitamente dal tipo di coltivazione (indoor, outdoor o in serra).

Ciò che influenza realmente la potenza dell’effetto è l’interazione tra il profilo cannabinoide della varietà, i terpeni e i flavonoidi presenti, nonché il modo in cui questi componenti interagiscono con il sistema endocannabinoide dell’individuo e la sua personale tolleranza al consumo di cannabis. Pertanto, più che il metodo di coltivazione, è importante considerare la composizione chimica della varietà e il modo in cui si adatta alle esigenze e alle preferenze del consumatore.

Colore

Anche in questo caso, il colore di una varietà di cannabis dipende da una serie di fattori diversi, tra cui la genetica, la gestione della coltivazione, la temperatura e altri ancora.

In generale, le piante coltivate all’interno tendono a presentare colori più vivaci, mentre quelle coltivate all’esterno o in serra possono sviluppare tonalità più scure di verde e marrone a causa dell’esposizione al sole.

Anche il processo di post-raccolta gioca un ruolo fondamentale: l’essiccazione dei fiori in un ambiente fresco aiuta a mantenere il colore, mentre l’essiccazione in un luogo caldo accelera l’ossidazione e può dare origine a tonalità più scure.

I colori viola e rossi spesso associati a certe varietà di cannabis (come la marijuana viola o la Purple Haze) sono influenzati sia dalla genetica della pianta che da altri fattori, come l’esposizione al freddo durante le ultime settimane di fioritura.

Il colore della cannabis è influenzato anche dalla genetica del seme. A livello genetico, alcune varietà hanno la capacità di produrre pigmenti chiamati antociani, che forniscono questi colori distintivi e che si trovano anche in altre specie agricole, come i mirtilli. La presenza di questi pigmenti è legata a fattori pedologici e climatici, come la temperatura, il pH del suolo e il tipo di luce.

Differenze nelle dimensioni dei fiori

Nella coltivazione indoor, dove le condizioni ambientali sono altamente controllate, le piante tendono ad essere più piccole e compatte. Questo perché è possibile regolare fattori come l’altezza delle luci, la distanza tra le piante e la durata della luce, favorendo una crescita più controllata.

La differenza di dimensioni delle piante di cannabis dipende in larga misura dal tipo di coltivazione utilizzata: indoor, outdoor o in serra:

D’altra parte, nella coltivazione all’aperto, le piante hanno la possibilità di crescere in modo più naturale e, di conseguenza, tendono ad essere più grandi e robuste. L’accesso alla luce solare diretta e lo spazio permettono alle piante di raggiungere il loro pieno potenziale di crescita.

La coltivazione in serra è una via di mezzo in termini di dimensioni. Le piante in serra possono essere più grandi di quelle da interno per via dell’esposizione alla luce solare, ma più piccole di quelle da esterno per via della moderazione delle condizioni ambientali.

In definitiva, le dimensioni delle piante di cannabis sono influenzate da una combinazione di fattori genetici, condizioni di coltivazione e gestione. Ogni tipo di coltura offre vantaggi e sfide uniche in termini di controllo delle dimensioni delle piante e, in ultima analisi, influisce sulla quantità e sulla qualità del raccolto.

Il dibattito sulla qualità: è meglio la cannabis indoor, outdoor o di serra?

Il dibattito sulla qualità della cannabis tra coltivazione indoor, outdoor e in serra è una questione complessa e soggettiva che dipende da diversi fattori. Ogni tipo di coltura presenta vantaggi e svantaggi in termini di qualità e la scelta della “migliore” dipende in ultima analisi dalle preferenze dei consumatori e dall’approccio agricolo. Anche all’interno dello stesso tipo di coltivazione, è possibile apprezzare varietà di cannabis con caratteristiche e tratti distintivi notevoli.

In breve, la pianta di cannabis è straordinaria e la sua diversità rende difficile generalizzare su di essa, poiché dal seme al post-raccolta, compreso il tipo di coltivazione, sono numerosi i fattori che intervengono sulla qualità del risultato finale. Inoltre, la cannabis non è solo una pianta; è un’esperienza, in cui ognuno prova sensazioni e preferenze leggermente diverse, anche a seconda del giorno. Scoprite la varietà della cannabis con le nostre confezioni di fiori di CBD:

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)