CBD per la menopausa: come può aiutare? - Cannactiva

Olio di CBD per la menopausa: come può aiutare?

Donne benessere natura

Nel corso della vita di una donna, ci sono diversi punti di transizione fisiologica che determinano cambiamenti nell’equilibrio ormonale femminile. La menopausa non è una malattia e non tutte le donne ne soffrono, tuttavia alcune donne hanno trovato sollievo da alcuni dei disagi associati alla menopausa utilizzando l’olio di CBD.

Che cos’è la menopausa?

La menopausa segna una transizione importante nella vita di una donna. Quando le ovaie cessano la loro funzione di produzione di ovuli, iniziano i cambiamenti ormonali che provocano sintomi da lievi a estremamente fastidiosi, tra cui: vampate di calore, sbalzi d’umore e insonnia o disturbi del sonno.

Il sistema endocannabinoide e i cambiamenti ormonali durante la menopausa

Il sistema endocannabinoide (ECS) è al centro dei potenziali effetti terapeutici di molti cannabinoidi, tra cui il CBD. La SEC è legata alla regolazione ormonale, poiché i recettori dei cannabinoidi si trovano nell’ipotalamo.

Questa parte del cervello, l’ipotalamo, è il luogo in cui viene regolata la secrezione dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH), che è l’ormone principale per il rilascio degli ormoni nel ciclo riproduttivo di donne e uomini (1). Durante la menopausa, quando i livelli ormonali fluttuano, la modulazione SEC può influenzare la stabilità ormonale.

È stato documentato che il sistema endocannabinoide interagisce con gli estrogeni, un ormone che svolge un ruolo nel benessere delle donne e che diminuisce durante la menopausa. Questa interazione può essere importante nel modo in cui il corpo della donna risponde ai cambiamenti ormonali durante la menopausa.

Allo stesso modo, l’interazione tra il sistema endocannabinoide e gli estrogeni è ben documentata nello sviluppo del cervello e in processi quali la memoria, l’apprendimento e il controllo centrale della riproduzione (2). Il sistema endocannabinoide, d’altra parte, può anche regolare processi come l’umore, il sonno e molte altre funzioni che possono essere correlate al benessere.

È quindi possibile suggerire che il CBD o il cannabidiolo, attraverso il sistema endocannabinoide, possano offrire sollievo da alcuni dei sintomi associati ai cambiamenti ormonali durante la menopausa.

Come può il CBD aiutare la menopausa?

Sebbene non esistano studi scientifici che dimostrino che il CBD possa aiutare i cambiamenti ormonali della menopausa, può aiutare alcuni dei sintomi associati a questo periodo naturale per le donne.

Ansia, depressione e stress

Durante la menopausa si registrano spesso cambiamenti dell’umore, tra cui un aumento dell’ansia e dei sintomi depressivi.

Il CBD potrebbe essere d’aiuto, in quanto noto per le sue proprietà ansiolitiche e antidepressive. Alcuni studi suggeriscono che il CBD può modulare i livelli di alcuni neurotrasmettitori e, in particolare, può stimolare i recettori della serotonina, promuovendo un senso di benessere.

Insonnia

I disturbi del sonno, dovuti soprattutto a sudorazioni notturne e vampate di calore, sono comuni in menopausa. Il CBD si è dimostrato promettente nell’indurre il sonno se somministrato in dosi elevate.

Salute della pelle

La diminuzione dei livelli di estrogeni durante la menopausa può portare a pelle secca, perdita di elasticità e acne. I prodotti cosmetici infusi di CBD potrebbero essere di grande aiuto, date le proprietà antinfiammatorie del CBD e la sua capacità di regolare la produzione di sebo.

Come assumere il CBD per i sintomi della menopausa?

Prima di tutto, verificate con un professionista della salute che il CBD, o qualsiasi altro integratore, possa essere utile a seconda della situazione individuale. Consultare un operatore sanitario per garantire la sicurezza e l’adeguatezza di qualsiasi trattamento.

È stato suggerito di iniziare l’uso del CBD a basse dosi, regolando il dosaggio in base all’effetto desiderato. Si raccomanda di attendere almeno 2 settimane prima di aumentare gradualmente la dose. Vi spieghiamo meglio nel post:

Trattamento dei sintomi della menopausa

Se soffrite dei sintomi della menopausa, non dimenticate di adottare un approccio olistico. Sebbene il CBD possa offrire sollievo da alcuni disturbi, l’adozione di un approccio che includa una dieta equilibrata, un regolare esercizio fisico e tecniche di riduzione dello stress può fornire un supporto completo durante la menopausa.

Precauzioni per l’uso del CBD

Non dimenticate che con l’uso del CBD possono verificarsi interazioni farmacologiche ed effetti collaterali. È inoltre importante verificare lo status legale del CBD nel paese in cui ci si trova ed essere informati sulle normative locali per ogni tipo di prodotto a base di CBD.

Uso di marijuana in menopausa

Anche se questo articolo si concentra principalmente sul CBD, vale la pena notare che alcune donne usano la cannabis per gestire i sintomi della menopausa. Anche il tetraidrocannabinolo (THC), il componente psicoattivo della marijuana, può alleviare alcuni sintomi. Tuttavia, il rischio di effetti psicoattivi e di dipendenza ne fa una scelta sbagliata.

L’Università di Harvard ha condotto un’indagine sul consumo di cannabis durante la menopausa e ha scoperto che molte donne trovano sollievo dal consumo di cannabis (3).

Uno studio basato su un sondaggio in Canada ha riportato che, sebbene il 74% delle consumatrici di cannabis terapeutica abbia trovato sollievo da alcuni sintomi della menopausa, le donne che non fanno uso di marijuana tendono ad avere meno sintomi legati alla menopausa (4).

Consigli per le donne in menopausa

La menopausa non è una malattia: è importante sapere che i cambiamenti ormonali sono processi naturali sia per le donne che per gli uomini.

  • L’informazione è potere: essere informate sul processo della menopausa dà alle donne maggiore fiducia e potere.
  • Cercare rimedi naturali: se si soffre di disturbi legati alla menopausa, l’ideale sarebbe trovare soluzioni naturali che nutrano e curino il corpo.
  • Assistenza medica: Per iniziare qualsiasi trattamento per alleviare i sintomi legati alla menopausa, è essenziale consultare un professionista della salute.
  • Concentrarsi sul benessere generale: una dieta equilibrata, un regolare esercizio fisico e pratiche che nutrono il corpo e la mente possono influenzare in modo significativo l’esperienza della menopausa.

Conclusione

Il passaggio alla menopausa può essere impegnativo per alcune donne. Mentre le terapie tradizionali persistono nell’approccio medico convenzionale, i potenziali benefici del CBD per alleviare alcuni disagi della menopausa possono essere interessanti per alcune donne. Gli effetti ansiolitici e antidepressivi del CBD, così come le sue applicazioni cosmetiche, rappresentano un’alternativa per le donne che desiderano beneficiare del CBD per superare questa fase di transizione.

Non dimenticate che, come per qualsiasi sostanza che si desidera introdurre o aggiungere a un regime terapeutico, le risposte individuali possono variare, il che sottolinea l’importanza di una medicina personalizzata e di una consultazione regolare con i professionisti della salute.

Nota: questo è un articolo informativo e non intende prevenire, diagnosticare o trattare alcuna malattia. Il suo contenuto può integrare, ma non deve mai sostituire, una diagnosi o un trattamento di una malattia o di un sintomo. I prodotti Cannactiva non sono farmaci e sono destinati all’uso esterno. I dati riportati riflettono le evidenze scientifiche fino alla data di pubblicazione; si noti che da allora potrebbero emergere nuovi sviluppi. Pertanto, prima di utilizzare il CBD, è bene consultare il proprio medico.

Riferimenti
  1. Gammon, C. M., Freeman, G. M., Jr, Xie, W., Petersen, S. L., & Wetsel, W. C. (2005). Regolazione della secrezione dell’ormone di rilascio delle gonadotropine da parte dei cannabinoidi. Endocrinologia, 146(10), 4491-4499. https://doi.org/10.1210/en.2004-1672
  2. Santoro, A., Mele, E., Marino, M., Viggiano, A., Nori, S. L., & Meccariello, R. (2021). La complessa interazione tra il sistema endocannabinoide e il sistema estrogenico nel sistema nervoso centrale e nella periferia. International journal of molecular sciences, 22(2), 972. https://doi.org/10.3390/ijms22020972
  3. Dahlgren, M. K., El-Abboud, C., Lambros, A. M., Sagar, K. A., Smith, R. T., & Gruber, S. A. (2022). Un’indagine sull’uso di cannabis terapeutica in perimenopausa e postmenopausa. Menopause (New York, N.Y.), 29(9), 1028-1036. https://doi.org/10.1097/GME.0000000000002018
  4. Babyn, K., Ross, S., Makowsky, M., Kiang, T., & Yuksel, N. (2023). Uso di cannabis per la menopausa in donne di 35 anni e oltre: un’indagine trasversale sui modelli di utilizzo e sulle percezioni in Alberta, Canada. BMJ open, 13(6), e069197. https://doi.org/10.1136/bmjopen-2022-069197

Masha Burelo
Investigadora en cannabinoides | Doctoranda en Neurociencia

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)