Marijuana viola: cos’è, perché viene prodotta e quali effetti ha

Marijuana viola

Il colore viola, violetto o lilla delle piante di marijuana e, in generale, delle piante di marijuana. Cannabis sativa -La marijuana, compresa la canapa, non è stata studiata molto, ma questi colori sono stati studiati in altre piante, il che potrebbe aiutarci a capire il ruolo del colore viola nella marijuana.

Perché la marijuana è di colore viola?

Il colore viola dei fiori di marijuana può essere causato dalla presenza di pigmenti chiamati antociani, che sono gli stessi componenti che danno colore ad altri fiori, frutti e foglie viola o rosso scuro, come i mirtilli. Sebbene tutti i fenotipi – tratti fisici – abbiano componenti sia genetiche che ambientali, per alcune varietà di Per altri ceppi, la predisposizione genetica può avere maggiore influenza sulla comparsa del colore viola, mentre per altri ceppi la predisposizione genetica può avere maggiore influenza.

Acquistare CBD online

Cosa produce il colore viola nelle piante?

Il colore viola nelle piante è prodotto da un gruppo di composti organici idrosolubili (contenenti carbonio) chiamati antociani, prodotti da molte piante tra cui le gimnosperme (pini) e le angiosperme (piante da fiore) [1].

Il colore viola della marijuana è dovuto al colore lilla delle antocianine, un flavonoide presente anche nei mirtilli.

Le antocianine fanno parte di un gruppo di composti chiamati flavonoidi [2] e la loro funzione principale è quella di produrre il colore viola, blu e rosso nei fiori, nei frutti e nelle foglie. Frutti come l’uva e i mirtilli sono ricchi di antociani [1].

Tipi di antociani nelle piante

Le antocianine più conosciute nelle piante sono: cianidina, delfinidina, pelargonidina, peonidina, malvidina e petunidina. La più comune è la cianidina, che insieme alla delfinidina produce il pigmento rosso e viola. Ora, altri colori come il rosso e l’arancione sono prodotti dalla pelargonidina [3]. Tuttavia, i colori giallo e arancione sono prodotti anche da altri composti chiamati carotenoidi [4].

Perché questo cambiamento di colore?

Il colore verde delle piante è prodotto dalla clorofilla, un pigmento presente nei cloroplasti, i meravigliosi organi responsabili della fotosintesi. Un giorno vi parlerò di questi cloroplasti e del loro genoma.

Questi cambiamenti di colore nelle piante sono stati associati alla senescenza, il processo di invecchiamento, ed è per questo che vediamo le piante cambiare colore con l’arrivo dell’autunno [4].

I carotenoidi (responsabili del colore giallo) sono presenti per tutta la vita della pianta, ma non si notano grazie alla clorofilla, il pigmento verde. Quando la clorofilla inizia a degradarsi in autunno, i carotenoidi diventano più evidenti. Al contrario, le antocianine si generano solitamente in autunno, prima che le foglie inizino a cadere [4].

I cambiamenti di colore nelle piante sono in parte dovuti alla senescenza, il processo di invecchiamento. È per questo che in autunno vediamo sugli alberi il rosso, il viola, il giallo e l’arancione.

Come viene prodotta la marijuana viola?

Ma questo non è il caso di molte delle nostre amate varietà di marijuana. Come ben sappiamo, esiste la marijuana viola e per questo motivo esistono varietà di marijuana come la CBD Purple Buddha (Purple Haze), Purple Urkle o Purple Kush. Purple Urkle o Purple Kush. Inoltre, esistono varietà di canapa che prendono il nome dai loro colori rosso e viola, come il “Red Petiole” [5].

Allora mi chiedo, e forse anche voi, perché esiste la marijuana lilla? E poi ci sono altre piante che sono sempre rosse/viola, come gli alberi di mango, o piante ornamentali come la zebrina o la begonia. Ma la ragione di questi altri colori, oltre alla senescenza, non è molto chiara [4].

Da cosa dipende il cambiamento di colore della marijuana?

Il colore viola della marijuana è dovuto alle antocianine. La presenza di questi composti nelle piante può variare in base al pH del terreno, cioè all’acidità o alla basicità del suolo in cui vengono coltivate. In condizioni acide, molte di queste antocianine sono rosse, mentre in condizioni neutre sono viola e blu in condizioni basiche [3].

La produzione di alcuni di questi antociani dipende dalle variazioni di temperatura e si ipotizza che i pigmenti rossi proteggano la pianta dagli effetti nocivi della luce a basse temperature [4].

Non so se questa ipotesi sia vera o meno, ma so che ci sono diverse varietà di Cannabis sativa che cambiano colore in rosso e viola con il passare del tempo, forse a causa della diminuzione della temperatura, della senescenza o di entrambi.

Imparate e scoprite offerte uniche con la newsletter di Cannactiva:

Perché si produce cannabis viola?

La produzione e l’accumulo di antociani sono dovuti all’espressione di alcuni geni e anche a cambiamenti epigenetici – cambiamenti nel fenotipo senza modificare la sequenza del DNA – nella pianta [6].

La marijuana lilla proviene da semi che producono geneticamente l’espressione di geni che consentono la produzione di antociani, causando il cambiamento di colore della pianta.

Quindi una cosa è chiara: Ci sono varietà di marijuana che, a causa dei loro geni, sono sempre viola. Ce ne sono altre che, a seconda delle variazioni dell’ambiente (fattori come la luce, la temperatura o il pH del terreno), cambiano colore..

E di nuovo le mie domande: la marijuana che è sempre viola differisce nei geni dalla marijuana che diventa viola? O sono gli stessi geni che differiscono nella loro espressione a seconda dell’ambiente? Come si può notare, sono molte le domande che si possono porre con la marijuana viola.

Un dato di fatto in biologia, come ho già detto, è che tutti i fenotipi sono il prodotto dei geni e dell’ambiente(natura contro natura). Quello che non sappiamo è quanto del colore viola della Cannabis sativa sia dovuto ai geni(natura) e quanto all’ambiente(cultura).

Marijuana lilla indoor: antociani indotti dalla luce nella coltivazione indoor?

È possibile che la luce nella coltivazione indoor influisca sulla produzione di antociani nella marijuana? Questa potrebbe essere una possibilità. Inoltre, è stato riscontrato che questi cambiamenti di luce influenzano effettivamente la colorazione di altre piante, come la fragola [7].

Usi medici delle antocianine

Le antocianine sono ampiamente utilizzate nel settore medico e in quello della salute e del benessere per la loro bassa tossicità, ma anche per le loro molteplici possibilità terapeutiche: questi composti sono antitumorali, trovano impiego nelle malattie neurodegenerative, nel diabete e nel peso corporeo. È possibile che questi usi siano dovuti alle proprietà antiossidanti delle antocianine [2].

Le antocianine trovano impiego terapeutico nelle malattie cardiovascolari, nel diabete e nel cancro.

Le antocianine sono diventate famose come integratori alimentari in quanto gli studi suggeriscono che i composti del vino rosso, in particolare le antocianine, possono aiutare a combattere le malattie cardiache [8].

Quindi, ecco che quando fumano quello spinello o quel pezzo di marijuana viola, forse combattono il cancro e perdono anche peso. Dubito che questo sia vero, anche se ciò porta un po’ di tranquillità.

Fiori viola di marijuana… Non solo sulle piante femmina!

Ebbene, qui voglio condividere con voi alcune delle mie bellissime foto di fiori viola di marijuana. Ma, essendo sempre stata a contatto con piante femmine, non sapevo che anche i maschi possono produrre fiori viola! Questa è stata una piacevole sorpresa per me! E hanno un’ampia variazione di colore.

Piante di marijuana con steli viola

E ho anche visto piante i cui steli sono viola! Come vi ho detto in precedenza, la pianta di Cannabis sativa presenta molte variazioni sia nel genoma che nell’aspetto fisico (fenotipo). A titolo di esempio, si veda il post sulle differenze e somiglianze tra canapa e cannabis .

Referencias

1. Seitz, H. e W. Hinderer, Anthocyanins. Phytochemicals in Plant Cell Cultures, 1988: p. 49-76.

Mukherjee, P.K., Quality control and evaluation of herbal drugs: Evaluating natural products and traditional medicine. 2019: Elsevier.

Khoo, H.E., et al., Antocianidine e antocianine: pigmenti colorati come alimenti, ingredienti farmaceutici e potenziali benefici per la salute. Food & nutrition research, 2017. 61(1): p. 1361779.

4. Archetti, M., et al., Unravelling the evolution of autumn colours: an interdisciplinary approach. Trends in ecology & evolution, 2009. 24(3): p. 166-173.

5. Di Candilo, M., et al, Due nuovi genotipi di canapa da fibra. Morfologia e caratteristiche della resa [Cannabis sativa L.]. Sementi Elette (Italia), 2000.

6. Enaru, B., et al., Anthocyanins: Factors affecting their stability and degradation. Antiossidanti, 2021. 10(12): p. 1967.

7. Magagnini, G., G. Grassi e S. Kotiranta, L’effetto dello spettro luminoso sulla morfologia e sul contenuto di cannabinoidi della Cannabis sativa L. Medical Cannabis and Cannabinoids, 2018. 1(1): p. 19-27.8. Pietta, P., M. Minoggio e L. Bramati, Polifenoli vegetali: struttura, presenza e bioattività. Studi di chimica dei prodotti naturali, 2003. 28: p. 257-312.

Informazioni sulla marijuana viola (FAQ)

Domande e risposte brevi sulla marijuana viola:

Che effetto ha la marijuana viola?

Non è ancora chiaro se il colore viola della gemma della pianta sia legato agli effetti che produce quando viene consumata. È una questione che deve essere esaminata scientificamente. È possibile che le antocianine interagiscano con i recettori dei cannabinoidi (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20041802/).

Che tipo di marijuana è la marijuana viola?

Esistono diversi tipi di marijuana viola, alcune varietà sono sempre viola come la Purple Kush o la Grandaddy Purps, altre diventano viola con il tempo e/o le basse temperature.

Qual è la differenza tra la marijuana verde e quella viola?

La differenza tra i colori della marijuana sta nella produzione di antociani. La marijuana viola produce questi pigmenti blu, rossi e viola. Nella marijuana verde, la pianta può produrre anche altri pigmenti oltre alla clorofilla, come i carotenoidi (di colore giallo), anche se il pigmento verde clorofilla spicca su tutti gli altri.

Cosa significa il colore viola nella marijuana?

Il colore viola è dovuto alla produzione di antociani, pigmenti che permettono di ottenere questo colore nelle piante. In alcune varietà questo pigmento viene prodotto in seguito a variazioni di temperatura o alla senescenza.

Quali componenti conferiscono alle cime di marijuana la loro colorazione viola?

Le antocianine, un tipo di flavonoidi presenti nella cannabis, sono responsabili del colore viola di piante come la marijuana. La marijuana può presentare questo colore viola sulle foglie, ma anche sugli stigmi del fiore, oltre che sul fusto e su altre parti della pianta.

Perché i boccioli diventano viola?

Le gemme diventano viola per l’accumulo di antociani, pigmenti viola, blu o rossi. Sono causate dalla senescenza o dalle basse temperature.

Iscrivetevi alla newsletter per ricevere informazioni e offerte esclusive:

Dra. Daniela Vergara
Investigadora y catedrática | Especialista en cultivos emergentes y consultora de cannabis

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)