L’olio di canapa è migliore dell’olio d’oliva?

Olio di canapa verde Cannactiva

L’olio di canapa è ancora largamente sconosciuto nel mondo alimentare. La nostra nutrizionista spiega i benefici dell’olio di canapa nella dieta e risponde alla domanda comune se sia meglio usare l’olio di canapa o l’olio d’oliva.

Che cos’è l’olio di canapa e quali sono i suoi principali benefici?

Che ne abbiate sentito parlare o meno, l’olio di canapa sta iniziando a farsi strada nel mondo alimentare. L’olio di canapa si ottiene dalla spremitura a freddo dei semi di canapa. Ha un colore verde brillante o dorato (a seconda che si ottenga dai semi interi o sbucciati) e un delizioso sapore di nocciola.

Uno degli aspetti più notevoli è che si tratta di uno degli alimenti più ricchi di omega 3. L’omega-3 è un acido grasso essenziale, cioè deve essere fornito quotidianamente nella dieta. Questo componente ha proprietà cardiovascolari e antinfiammatorie e protegge il corretto funzionamento del sistema nervoso.

Se volete saperne di più sui benefici dell’olio di canapa nella vostra dieta, vi consigliamo il post: Benefici dell’olio di canapa per la salute

L’olio di canapa è migliore dell’olio d’oliva?

In Spagna abbiamo la fortuna di avere uno dei migliori oli del mondo a un prezzo molto conveniente. Il consumo di olio d’oliva è ampiamente riconosciuto come il principale olio alimentare consumato nelle famiglie. Vale la pena ricordare che le varietà di olio vergine sono le più consigliate, grazie al loro maggior contenuto di vitamina E, clorofilla e flavonoidi antiossidanti (che conferiscono all’olio il caratteristico colore verdastro e il sapore intenso).

L’olio d’oliva è sicuramente uno dei migliori oli che possono essere utilizzati nei nostri alimenti, sia a crudo che per cucinare. In questo senso, l’olio di canapa non è destinato a sostituire l’olio d’oliva vergine in cucina, ma a completarlo.

Quali sono i benefici dell’olio di canapa nella dieta?

Il vantaggio dell’olio di canapa rispetto all’olio d’oliva è che è molto più ricco di omega 3. Ecco perché molti nutrizionisti raccomandano l’olio di canapa come integratore di omega-3.

Nelle diete in cui è importante aumentare l’apporto di omega-3, può essere consigliato l’uso dell’olio di canapa, sempre a crudo, in modo da preservare tutte le proprietà degli omega-3. Un cucchiaino (circa 5 ml) di olio di canapa ne fornisce 1 g. di omega 3 e raggiungere il fabbisogno giornaliero di questo nutriente.

    L’olio di canapa come fonte di omega 3

    Altri alimenti ricchi di omega-3 raccomandati dai nutrizionisti sono i semi di canapa, le noci, il pesce azzurro e i semi di lino o di chia. La cosa migliore, naturalmente, è una dieta varia, che includa regolarmente questi alimenti. Tuttavia, può capitare che la frutta secca venga consumata nel giro di pochi giorni, oppure che i barattoli di semi rimangano sullo scaffale e ci si dimentichi di aggiungerli ai piatti per distrazione. In questo senso, prendere l’abitudine di condire le insalate con l’olio di canapa è un modo semplice per assicurarsi l’apporto quotidiano di omega-3 di cui abbiamo bisogno ogni giorno.

    Come introdurre l’olio di canapa nella dieta?

    In pratica, si mette nell’ampolla e si condiscono i piatti proprio come si farebbe con l’olio d’oliva . Non serve una pipetta regolatrice e non è necessario misurare le quantità utilizzate.

    • Si consiglia di utilizzarlo crudo, in salse o condimenti. Può essere utilizzato (da solo o in combinazione con l’olio d’oliva) in una salsa al pesto, in una maionese, in una salsa all’aglio e olio, ecc. Lo amiamo semplicemente come condimento, un filo di olio di canapa sopra le ricette, ad esempio quando si impiatta l’hummus, le creme di verdure o le insalate. Il suo sapore di nocciola gli conferisce un tocco inconfondibile!
    • Può essere utilizzato anche per una cottura delicata a basse temperature.
    • Non è raccomandato per friggere, grigliare o saltare ad alte temperature (così come per la cottura con oli di girasole e altri oli di semi). Gli oli che resistono meglio alle alte temperature di cottura sono l’olio di oliva e l’olio di cocco.
    • Come curiosità, è possibile utilizzare l’olio di canapa anche a scopo cosmetico, in maschere fatte in casa. Grazie al suo contenuto di omega 3, è un vero balsamo per la pelle secca.

    L’olio di canapa non contiene cannabinoidi, come il THC o il CBD.

    L’olio di canapa deriva dai semi di canapa e non contiene quindi cannabinoidi (né CBD né THC). Non contiene nemmeno questi composti in piccole quantità.

    Il THC (composto psicoattivo) e il CBD (antinfiammatorio) si trovano nella resina dei fiori (gemme) della pianta e vengono estratti in altri modi. I semi di canapa non contengono cannabinoidi e, per estensione, né l’olio di canapa né le proteine di canapa contengono cannabinoidi.

    Se avete dubbi sulla sua sicurezza, sappiate che è un alimento riconosciuto sicuro dalle autorità sanitarie. Potete trovare maggiori informazioni nel nostro articolo sui Miti sull’olio di canapa come alimento

    In breve, l’olio di canapa è uno degli alimenti più ricchi di omega 3 e può diventare un alleato per la vostra salute.

      Eli Carballido
      Dietista nutricionista | Experta en fitoterapia y nutrición

      Mi Cesta0
      There are no products in the cart!
      Continua a fare acquisti
      Aprire la chat
      1
      Avete bisogno di aiuto?
      Ciao!
      Possiamo aiutarvi?
      Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)