Hashish: cos'è, i tipi e come sapere se è buono - Cannactiva

Hashish: la guida più completa all’hashish

Hashish setacciato

Vi raccontiamo tutto sull’hashing: cos’è? Tipi, composizione, legalità, metodi di lavorazione e molto altro con la guida all’hashish di Cannactiva.

Che cos’è l’hashish?

L’hashish, o hashish, è un prodotto derivato dalla cannabis, ottenuto estraendo i tricomi pieni di resina dalla marijuana, pressandoli e modellandoli, di solito sotto forma di compresse.

In termini di potenza, l’hashish è superiore alla marijuana, poiché contiene una percentuale significativamente più alta di composti cannabinoidi (il doppio o più).

L’hashish è una droga popolare in India, Pakistan, Afghanistan, Nepal e Marocco. In Spagna, fino a non molto tempo fa, l’hashish veniva consumato più della marijuana stessa, principalmente dal Marocco.

Colloquialmente, l’hashish viene chiamato con vari nomi: costo, cioccolato, grifa, hashish, polen, hueva, bellota, apaleao (o apaleado), jachís o hueva, tra molti altri.

Composizione dell’hashish

L’hashish è costituito principalmente dalla resina o dai tricomi del fiore di marijuana. Pertanto, quando lo analizziamo, troviamo alte concentrazioni di cannabinoidi nella sua composizione. cannabinoidi come tetraidrocannabinolo (THC) , cannabidiolo (CBD) e altri minori, come cannabigerolo (CBG) il cannabicromene (CBC)…; così come i terpeni come l’alfa e il beta pinene, il beta cariofillene, il limonene, il mircene e il linalolo (tra centinaia di altri).

Tipi di hashish

In linea di massima, a seconda dell’origine e del tipo di pressatura, possiamo trovare diversi tipi di hashish, questi sono solo alcuni dei più noti:

Vedi tutti i tipi di hashish

Che cos’è l’hashish legale?

Oggi, con lo sviluppo di nuove varietà di marijuana a basso contenuto di THC, è possibile produrre hashish tradizionale completamente legale. Cannactiva vi offre hashish CBD di altissima qualità, prodotto con le nostre migliori varietà di cannabis senza CBD e THC. Ora potete godervi il sapore pieno di un buon hashish di cannabis, senza gli effetti negativi che il THC talvolta produce. Senza dubbio, l’opzione migliore per l’uso quotidiano.

Le vendite legali assicurano che l’hashish sia prodotto in modo ottimale, privo di contaminanti e sicuro, pur garantendo gli aromi altamente desiderabili che molti hanno associato a questa preparazione tradizionale.

Quale hashish legale posso acquistare su Cannactiva?

Qual è la differenza tra hashish e marijuana?

L’hashish e la marijuana derivano dalla stessa pianta, la Cannabis sativa, da cui si ottengono sia la marijuana che la canapa. Quando ci riferiamo alla marijuana, parliamo dell’intera pianta di cannabis o, più specificamente, dei suoi fiori (le cime), consumati da millenni per i loro effetti rilassanti e psicoattivi. L’hashish si ottiene estraendo e pressando i fiori di marijuana dalla resina che li ricopre.

L’hashish ha una concentrazione di THC superiore a quella della marijuana, perché è un tipo di estrazione della cannabis e concentra i cannabinoidi.

In termini di effetti, come droga, la differenza principale tra le cime di marijuana e l’hashish è che l ‘hashish è molto più forte della marijuana, poiché concentra tutta la resina della pianta.

Contenuto di THC nell’hashish e nella cannabis

Il contenuto di THC è molto più elevato nell’hashish rispetto alle cime di marijuana. Mentre la marijuana contiene solitamente tra il 15 e il 35% di THC, l’hashish può contenere dal 40 al 60% di purezza o anche di più, a seconda del tipo di estratto. Nel caso del CBD hashish, il cannabinoide più abbondante è il CBD e non il THC.

Inoltre, a differenza della marijuana, l’hashish è povero di fibre e detriti vegetali.

Come si fa a sapere se un hashish è buono?

L’inconveniente maggiore dell’hashish, soprattutto se non ne conosciamo la provenienza, è che può essere mescolato con altre sostanze. Il mercato nero, per ottenere di più dalle sostanze, ha sempre approfittato della mancanza di controllo sui prodotti per mescolare, o tagliare, l’hashish con tutti i tipi di elementi, alcuni molto dannosi, come catrame, plastica o persino pneumatici.

Quindi la prima considerazione da fare quando si acquista hashish è quella di essere sicuri della sua provenienza. Detto questo, ci sono alcuni elementi che saranno indicativi della sua qualità:

Qualità dell’hashish

Focus sul colore

L’hashish ha toni marroncini. Un marrone chiaro sarà un buon sintomo, in quanto significa che è leggermente pressato e non molto mescolato; tuttavia, possiamo trovare lastre di colore marrone scuro che sono scure perché sono fortemente pressate, il che non è necessariamente un male. Se ha un colore lontano dal marrone, come il verde, dobbiamo insospettirci (il verde molto probabilmente significa che ha resti vegetali).

Struttura

La consistenza dell’hashish deve essere rigida, ma sbriciolarsi facilmente, soprattutto quando viene riscaldata (l’ideale è una consistenza terrosa). Sulla tavoletta non devono essere visibili pezzi o detriti estranei.

Aroma

L’odore dell’hashish è molto caratteristico, resinoso. Se notiamo un odore strano o non ne sentiamo affatto, è un brutto segno.

Avvicinare una fiamma

Se bolle quando viene bruciata alla fiamma, è indice di buona qualità. Inoltre, il fumo deve essere chiaro e aromatico, se è troppo scuro è sicuramente un cattivo segno.

Assaggialo

All’assaggio, sebbene il suo sapore dipenda molto dalla varietà, non deve pizzicare troppo la gola e non deve avere un sapore industriale, di plastica, di gas o non hashish.

Aspettando le sensazioni che ti dà

Infine, i suoi effetti dovrebbero essere in linea con quelli caratteristici dell’hashish, discussi in precedenza. Se vi dà mal di testa, un effetto strano o se notate poco o nulla, la sua qualità è scarsa.

L’hashish di bassa qualità può essere contaminato da una serie di sostanze come sporcizia, plastica, oli e simili che possono renderlo non sicuro per il consumo. È importante assicurarsi che l’hashish sia stato lavorato correttamente per evitare qualsiasi contaminazione. Anche se l’hashish può essere più forte della marijuana, è sempre bene fare attenzione quando si usano diverse forme di cannabis.

Come si produce l’hashish?

Da dove viene l’hashish?

La cannabis è ricoperta da piccole ghiandole di resina, note anche come tricomi. Queste ghiandole ricoprono i fiori, gli steli e persino le foglie della marijuana e iniziano a svilupparsi durante la fase di fioritura, quando la pianta inizia a formare le cime.

Infatti, il sintomo principale della maturazione di queste cime, quando il coltivatore sa che i suoi fiori sono pronti per il raccolto, è determinato dall’aspetto e dal colore della resina. Diventa più opaco e ambrato con l’avanzare della fioritura. Questo cambiamento di colore è dovuto al fatto che le ghiandole o i tricomi si stanno caricando di cannabinoidi e terpeni, ed è per questo che la resina “si sballa”, cioè produce gli stessi effetti dei fiori di cannabis (o anche di più, come vedremo più avanti).

L’hashish è molto più potente della marijuana, grazie alla sua elevata concentrazione di THC. Effetti che, logicamente, variano a seconda del tipo di marijuana. tipo di marijuana da cui proviene questa resina e dalla sua percentuale di cannabinoidi, come CBD o THC. Quindi, estraendo e trattando questa resina, otterremo il nostro hashish.

Metodi di produzione dell’hashish

Esistono diversi metodi tradizionali per ottenere l’hashish. Può essere estratto dalla pianta viva stessa, nel suo substrato, prima della raccolta, o dai fiori essiccati e curati. E sebbene i metodi di estrazione e manipolazione possano variare, il risultato sarà sempre lo stesso: compattare la resina in una lastra di hashish. Se volete saperne di più, ve ne parliamo su Come si produce l’hashish CBD .

Resine di CBD

Quali sono gli effetti dell’hashish?

Essendo un concentrato di marijuana, l’hashish contiene lo stesso tipo di cannabinoidi e terpeni, ma in una concentrazione maggiore. Pertanto, i loro effetti sono fondamentalmente gli stessi, se non addirittura amplificati, poiché la concentrazione di cannabinoidi nella resina di hashish è superiore a quella dei fiori. In altre parole, l’hashish è più potente della cannabis.

Gli effetti dell’hashish dipendono dalla varietà di marijuana o di cannabis CBD da cui è ottenuto, nonché dalla presenza e dalla quantità di cannabinoidi e terpeni:

  • Se la varietà originale ha alti livelli di THC o delta-9-tetraidrocannabinolo, che è il cannabinoide più psicoattivo, l’hashish avrà effetti più cerebrali.
  • D’altra parte, se la varietà ha una dominanza di CBD o cannabidiolo, avrà effetti più corporei, rilassanti e ansiolitici o sedativi.

Quindi, a seconda di questa dominanza, scopriremo che l’hashish può produrre effetti molto diversi: rilassamento, euforia, aumento dell’appetito, risate, sollievo dal dolore, sonnolenza…

Quali sono gli effetti negativi dell’hashish?

Come già detto, l’hashish è una concentrazione di marijuana, quindi tende ad avere un effetto più potente. Ciò significa che i campioni con livelli di THC molto elevati hanno maggiori probabilità di avere effetti avversi, come tachicardia, secchezza delle fauci, ansia, affanno, perdita di memoria a breve termine, mal di testa o mancanza di coordinazione motoria, paranoia o crisi psicotiche. Questi effetti sono prodotti principalmente dall’attivazione dei recettori CB1 dei cannabinoidi, a causa dell’elevato contenuto di THC.

Hashish fatto da gemme e fiori di CBD hashish, come quello di Cannactiva, prodotto con i migliori fiori di CBD. migliori fiori di CBD e non contenendo THC, non ha gli effetti negativi prodotti dal THC. Come abbiamo detto, l’hashish al CBD aumenta gli effetti più rilassanti e ansiolitici.

Dove trovare del buon hashish?

Nel negozio CBD di Cannactiva abbiamo i migliori ceppi di fiori CBD e l’hashish da essi ricavato. È un prodotto di qualità superiore con un’alta concentrazione di resina (45% di CBD e meno dello 0,19% di THC), estratto con metodi naturali. Essendo un hashish a base di CBD, otterremo tutti i suoi benefici ed eviteremo la psicoattività e le controindicazioni del THC (vertigini, ansia, tachicardia, mal di testa…). Potete acquistarlo qui:

Informazioni sull’hashish (domande frequenti)

Da dove deriva il nome Hashish e cosa significa?

Il nome hashish deriva dall’arabo hashish (حشيش), che significa “erba”. L’hashish è un prodotto ottenuto dalla cannabis a partire dalla sua resina o dal polline, sia grezzo che purificato. Si ritiene che abbia avuto origine in Nord Africa, in particolare in Marocco, e che sia diventato popolare in culture come quella egiziana, persiana e indù.

Qual è la differenza tra hashish e hashish?

Hash e hash sono due nomi per lo stesso prodotto e significano esattamente la stessa cosa. Hash (o hashish) è la parola inglese.

Che tipo di droga è l’hashish?

L’hashish, se non è stato adulterato, è una droga naturale che deriva dalla pianta di cannabis (o canapa). È stata tradizionalmente considerata una droga leggera, in quanto non provoca overdose e non ci sono decessi direttamente associati al suo uso. Tuttavia, non è innocuo e può portare a un uso problematico e a effetti dannosi, come quelli visti sopra.

Che cos’è l’hashish secco?

L’hashish secco è un tipo di hashish ottenuto attraverso un processo di setacciatura. In questo metodo di estrazione, la resina viene isolata dai fiori di marijuana e poi, una volta estratta, viene modellata in una compressa. L’hashish secco permette di utilizzare questa concentrazione di tricomi per il consumo o il piacere.

Andrea Rezes Esmeraldino
Ricercatore e formatore sulla cannabis: esperto di prodotti CBD presso Cannactiva. Con una vasta esperienza nel mondo della cannabis, Andrea è un esperto dei prodotti CBD di Cannactiva. Ha a [...]

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)