Evoluzione della marijuana: dal 4% al 35% di THC - Cannactiva

L’evoluzione della marijuana: dal 4% al 35% di THC in meno di 30 anni

Varietà di cannabis

Al giorno d’oggi, è possibile trovare un’ampia varietà di cime di marijuana con diversi profili di THC, CBD, altri cannabinoidi e terpeni. Le banche del seme offrono ceppi e varietà dai nomi allettanti e dalle caratteristiche impressionanti. Volete sapere come è stato raggiunto questo sviluppo nella cannabis? Date un’occhiata al nostro post sull’evoluzione della marijuana e sullo sviluppo dei diversi tipi di marijuana. tipi di marijuana !

L’evoluzione della marijuana nella storia

All’inizio degli anni ’90, il contenuto di THC nella marijuana era di circa il 4%, ma alla fine degli anni ’90 era salito al 6% [1]. Nel 2012 abbiamo trovato marijuana con quantità di THC pari a circa il 12%. Attualmente, nel 2022, la percentuale media di THC nella cannabis è del 16-17%, ma esistono varietà di marijuana che possono arrivare al 35% [2]. Ciò rappresenta un aumento del contenuto di THC dell’875% in meno di 30 anni! Questo incredibile aumento dimostra quanti progressi siano stati fatti in termini di nuove varietà di marijuana.

Lo sviluppo di nuovi tipi di marijuana ha permesso al contenuto di THC di passare dal 4% al 35% di THC in meno di 30 anni.

Purtroppo, le varietà di marijuana molto ricche di THC sono anche povere di CBD. Il CBD è un componente non psicoattivo della cannabis che interagisce con il THC e ne attenua gli effetti negativi [3, 4].

È stato studiato che gli effetti di entrambi i cannabinoidi sembrano differire quando vengono consumati insieme, rispetto a quelli isolati [5]. Gli effetti del THC isolato, in farmaci come il Dronabinol (Marinol®, Syndros® – un farmaco sintetico a base di THC), ad esempio, non sono molto piacevoli [6, 7], ma migliorano se combinati con il CBD [8].

Il contenuto di THC nella marijuana è aumentato dell’875% dai primi anni ’90 a oggi. Questi ceppi potenti hanno anche un basso contenuto di CBD, che aumenta la possibilità di effetti negativi da parte del THC.

Questo drastico aumento del contenuto di THC nella storia spiegherebbe i forti effetti del tipo di marijuana consumata oggi, rispetto a quella dell’epoca dei Beatles.

Fortunatamente, oggi si trovano anche varietà di marijuana 1:1, cioè con quantità simili di THC e CBD, nonché varietà ad alto contenuto di CBD ma con un contenuto nullo di THC.

Lo sviluppo genetico della marijuana nel corso degli anni

L’origine genetica della cannabis

Lo sviluppo di diversi ceppi di marijuana è probabilmente dovuto a diversi fattori. Questi includono cambiamenti genetici nella pianta, insieme a miglioramenti nelle condizioni e nelle tecniche di coltivazione. Selezionando un seme di cannabis con una genetica specifica o controllando i fattori ambientali come l’esposizione al sole o la fertilizzazione, si ottengono ceppi di cannabis con diversi livelli di THC, CBD e altri cannabinoidi, terpeni e flavonoidi. Può anche favorire la comparsa di alcuni tratti fisici nelle piante, come cime più grandi o il colore viola della marijuana.

Come abbiamo detto in una precedente occasione, esiste una sola specie di cannabis, la Cannabis sativa L., che presenta diversi lignaggi, tra i quali si distinguono due grandi gruppi:

  • Canapa industriale: piante alte (fino a 6 m), pochi rami e infiorescenze. Questo tipo di pianta è caratterizzato da un’elevata produzione di semi (utilizzati per l’estrazione dell’olio) e/o di fibre (materia prima per materiali da costruzione, tessuti, ecc.).
  • Marijuana: piante corte con molti rami e fiori ingrossati, con un contenuto di cannabinoidi superiore a quello della canapa industriale.

Questi due lignaggi di cannabis presentano differenze nel loro materiale genetico. Pertanto, la maggior parte delle varietà di marijuana presenti sul mercato ricreativo sono incroci tra piante selezionate di tipo marijuana, con un contenuto di cannabinoidi più elevato.

Selezione di varietà di marijuana ad alto contenuto di THC

I coltivatori di marijuana, nel corso degli anni, hanno scelto le piante con un’alta percentuale di THC come genitori delle prossime generazioni. In biologia la chiamiamo selezione artificiale: quando l’uomo sceglie quale pianta utilizzare per riprodursi.

Grazie a questo metodo, abbiamo diverse razze di cani o di polli, o tante varietà di pomodori, per fare un esempio. (più breve e più facile da capire). Nella cannabis, la selezione artificiale è stata effettuata da coloro che, per generazioni, hanno coltivato la marijuana in segreto, selezionando accuratamente le piante più ricche di cannabinoidi.

Ceppi di cannabis CBD

Attualmente è in aumento un tipo di marijuana senza THC: la cannabis CBD. Da questo tipo di marijuana a basso contenuto di THC si ottengono i fiori di fiori di CBD . Questi ceppi sono stati sviluppati incrociando ceppi a basso contenuto di THC, ma in un futuro speriamo prossimo saremo in grado di averli grazie a tecnologie avanzate come l’ingegneria genetica. Le gemme di CBD stanno guadagnando popolarità come alternativa legale alla marijuana tradizionale.

Molti tipi di marijuana sono stati ottenuti tramite selezione artificiale in coltivazioni clandestine, come scantinati, armadi e bagni.

Anche se legalmente la cannabis CBD viene chiamata canapa per il suo basso contenuto di THC, la pianta è più simile alla marijuana che alla canapa industriale, come abbiamo visto nel post sulle differenze tra canapa e marijuana .

Stai imparando? Iscrivetevi alla newsletter per ricevere ulteriori contenuti CBD e offerte esclusive:

Effetti del tipo di coltivazione sulla cannabis

Con il passare del tempo, e soprattutto grazie alla legalizzazione e alla regolarizzazione della marijuana per uso medico e/o ricreativo (a seconda del paese), un altro fattore che ha contribuito allo sviluppo di nuove varietà di marijuana è il fatto che le condizioni di coltivazione sono state migliorate e professionalizzate.

Al giorno d’oggi esiste un’eccellente tecnologia che viene utilizzata in diversi tipi di coltivazione della marijuana, sia quella al chiuso o indoor che quella all’aperto o in serra. Questo può anche aiutare i livelli di cannabinoidi, e forse anche di altri composti, ad aumentare. Inoltre, il tipo di coltivazione rende la pianta più produttiva o sviluppa determinate caratteristiche fisiche, come cime più grandi.

Tipi di marijuana attualmente disponibili per l’acquisto

L’industria della cannabis si è professionalizzata. Oggi possiamo acquistare diverse varietà di marijuana, selezionate in base al loro profilo di cannabinoidi e terpenoidi, alle caratteristiche delle cime, al tempo di fioritura e al tipo di coltivazione più ottimale.

Dai ceppi classici agli ibridi più moderni con caratteristiche uniche, ogni tipo di marijuana offre un’esperienza distinta grazie ai suoi diversi profili di sapore, aroma ed effetto, nonché alle caratteristiche fisiche, come cime e foglie di dimensioni e forme diverse. Hanno una sola cosa in comune: nomi a dir poco singolari.

I nomi divertenti delle varietà di marijuana

Le varietà di cannabis di tipo commerciale vengono chiamate in modi tanto diversi e variegati quanto divertenti:

  • A seconda degli aromi del vitigno, come ad esempio gli “aromi del “Skunk“, “Skunk“, “Skunk”, “Skunk“, “Skunk”, “Skunk”, “Skunk” e “Skunk”.Limone” (limone o lime, come Limone OG), “Caramelle“, “Zkittlez” (per il marchio americano di caramelle Skittles ®), “Tangerine Dream“, “Tangerine Dream“, “Tangerine Dream“, “Tangerine Dream“, “Tangerine Dream” e “Tangerine Dream”. Biscotti al mandarino ” (biscotti al mandarino), “Sour Diesel“, “Sour Diesel“, “Sour Diesel“, “Sour Diesel”, “Sour Diesel”, “Sour Diesel”.Sweet Cheese“, “Sweet Cheese“, “Watermelon Zkittlez”, “Watermelon Zkittlez”. Zkittlez all’anguria (caramella all’anguria),“Blueberry“, “Gorilla Glue”, “Zkittlez”. Colla Gorilla ” (per il marchio Gorilla Glue), “ Gelato Sundae ” (coppa gelato), oltre a molti altri. Gli aromi caratteristici della marijuana sono solitamente dovuti al suo contenuto di terpeni.
  • A seconda del colore della pianta, dei pistilli (peli) o dei boccioli:“Black Widow“, “Blue Green”, “Black Widow”, “Black Widow”, “Black Widow”, “Black Widow” e “Black Widow”. Blu Verde “Blu-Verde”,“Vedova Bianca“,“Rosso Alto“,“Purple Punch“,“Purple Urkle“,“Orange Cookies“,“Orange Bud” e così via.
  • A seconda del (presunto) luogo di origine, come“Durban Poison” dalla città portuale sudafricana,“Afghan Kush” dalla regione Kush dell’Afghanistan, o“Maui Wauwi” dalle Hawaii o“Santa Marta Gold” dalla città colombiana. Ci sono anche molti nomi che si riferiscono al Triangolo di Smeraldo, la regione della California più famosa per la coltivazione della cannabis negli Stati Uniti, come le città“Eureka“,“Yuba” o“Willits“.
  • A seconda dei genitori dell’incrocio, i ceppi ereditano il nome della loro progenie.“Super Lemon Haze” è l’incrocio tra “Lemon Skunk” e “Super Silver Haze”.“Lohan” è la progenie di Trainwreck x L.A. Confidential. “Black Dawg” è la progenie di Black Widow x StarDawg.
  • In molti altri casi, i nomi delle varietà di marijuana sono composizioni di tutti i precedenti: “…”, “…”, “…”, “…” e “…”. Candy Kush Zkittlez “, “ Biscotti Eureka Tropicana “, “ Sogno blu Yuba “, “ Willits Limoncello “, “ Ananas Kush “, “ Kush alla fragola “, “ Biscotti spaziali “, “ Regina dello spazio “, “ New York Sour Diesel “, “ Haze viola ” (marijuana di colore viola, soprannominata così per la canzone di Jimi Hendrix), “ Haze rosa ” (un’altra varietà di marijuana lilla), “ Lemon Haze “, “ Limonata Haze “, “ Formaggio blu “Purple Diesel”, “Auto AK-47” (da incrocio con piante autofiorenti), “OG” (da Original Gangster).

Le diverse varietà di marijuana possono avere nomi commerciali piuttosto divertenti. In base alla sua origine: “Hawaiian Haze”; in base al suo odore: “Lemon Skunk”; in base al suo colore: “Black Widow”; in base al nome dei suoi genitori, ad esempio “Super Lemon Haze” che è un incrocio tra “Lemon Skunk” e “Super Silver Haze”.

Ceppi di marijuana in base ai loro effetti

È anche comune nell’industria della cannabis classificare le varietà di marijuana in base ai loro presunti effetti sul corpo. Abbiamo quindi la marijuana indica e sativa a seconda che producano un effetto energetico o, al contrario, sedativo. In breve, questa distinzione non è precisa, come abbiamo scoperto nel post: indica e sativa: solo per confonderci. .

Il mercato delle varietà di semi di marijuana

Il sistema di denominazione dei ceppi di marijuana è scientificamente sbagliato, perché quando sequenziamo il DNA dei ceppi commerciali, o analizziamo il loro chemiotipo, vediamo che individui con lo stesso nome possono avere chemiotipi o DNA molto diversi e non correlati.

La differenza potrebbe essere dovuta al fatto che ogni coltivatore di marijuana denomina i propri ceppi utilizzando i sistemi di denominazione popolari sopra menzionati. In questo modo, ogni azienda può vendere una varietà “proprietaria” di marijuana “Candy Kush”, ottenendo alla fine un mercato di gemme con molti tipi della stessa varietà che, in realtà, possono non avere alcuna somiglianza tra loro. Di conseguenza, i nomi delle varietà sono sempre più ambigui.

Le differenze tra i tipi di marijuana della stessa varietà potrebbero anche essere dovute al fatto che il tipo di coltivazione influisce sulle caratteristiche e sulla produzione di composti della piantaLe caratteristiche principali della pianta sono le dimensioni delle cime, il THC, il CBD o i cannabinoidi minori (CBG, CBC, CBN o THCV, tra gli altri), la presenza di terpeni (beta mircene, beta cariofillene, limonene, linalolo, alfa e beta pinene, umulene, tra gli altri) e flavonoidi (antociani, apigenina, luteolina,…). Questo potrebbe spiegare perché due semi con una genetica identica possono sviluppare caratteristiche diverse.

A causa di questa mancanza di informazioni sul nome dei ceppi, personalmente raccomando sempre ai consumatori – in particolare ai pazienti di marijuana medica – che quando trovano un prodotto che gli piace o che gli dà sollievo, tornino nello stesso posto e chiedano la stessa cosa. Perché se si acquista la stessa varietà di marijuana da un’altra parte, anche se il prodotto ha lo stesso nome, non c’è garanzia che sia esattamente la stessa o che produca gli stessi effetti.

Quando trovate un prodotto che vi piace o che vi dà sollievo, tornate nello stesso posto e chiedete la stessa cosa, perché è possibile che in un altro posto, anche se ha lo stesso nome, non sia esattamente lo stesso e non produca gli stessi effetti.

Qual è il mote più potente?

Infine, la domanda più attesa. Qual è il tipo di marijuana più potente? La maggior parte penserebbe a un tipo di marijuana ad alto contenuto di THC. Ci sono molte differenze per quanto riguarda la quantità di THC nei diversi ceppi e molti bud shop prezzano i loro prodotti in base alla quantità di THC presente nell’erba. Ma, aneddoticamente, si dice che la marijuana con il giusto chemiotipo, anche se ha meno THC, può essere più forte di un’altra varietà molto ricca di THC.

Pertanto, le piante ad alto contenuto di THC (ad esempio, 28-30%) possono avere effetti psicoattivi inferiori rispetto alle piante con THC inferiore (ad esempio, 16-18%) ma con una diversità di altri composti (ad esempio, CBD e un certo profilo terpenoide). Questo aneddoto sosterrebbe la teoria dell'”effetto entourage”. effetto entourage “teoria che propone che tutti questi composti agiscano insieme per generare effetti particolari”.

In altre parole, il THC, a quanto pare, non è l’unico fattore determinante della potenza, della qualità e degli effetti della marijuana: la diversità nel tipo e nella quantità di altri composti, oltre al THC, sembra essere molto importante perché può influenzare gli effetti della marijuana.

L’effetto di una varietà di marijuana dipende da molti composti e non solo dal contenuto di THC o CBD. Si tratta del cosiddetto “effetto entourage”, in cui l’insieme dei composti della pianta produce un effetto particolare, che potrebbe essere importante per le sensazioni dei consumatori.

Per questo motivo propongo sempre che sia essenziale misurare i terpeni, non solo i cannabinoidi. In primo luogo, perché conoscendo il chemiotipo delle piante possiamo scegliere meglio quali incrociare (come abbiamo spiegato a proposito della selezione artificiale). In secondo luogo, perché aiuterebbe a comprendere meglio gli effetti della cannabis terapeutica se i medici sapessero cosa, quanto e quali percentuali ci sono nei prodotti che i loro pazienti consumano, potendo così prescrivere in modo più accurato. Infine, conoscere il chemiotipo è essenziale per rispettare norme e regolamenti, a volte ingiusti, assurdi e proposti da persone che non comprendono la biologia delle piante. Ma questa rabbia e frustrazione è oggetto di un altro articolo.

Quindi, per quanto riguarda quale sia la pentola più resistente, beh, ho diverse domande per voi: farà la differenza tra noi consumatori? La cosa che mi fa più “sballare” (o “traba”, in colombiano) ha lo stesso effetto su di voi? Oppure l’effetto di un tipo di marijuana può essere diverso anche nella stessa persona, a seconda che abbia mangiato, non abbia dormito o sia in uno stato mentale diverso?

Per sapere davvero quale sia la varietà di erba più potente, dovremmo sapere quanto il chemiotipo della pianta influisca sui consumatori attraverso studi in doppio cieco. Ebbene, ci stiamo avvicinando sempre di più alla possibilità di realizzare questi studi. Mi piacerebbe, in qualche modo, partecipare a questi studi per indagare sulle diverse varietà di marijuana e sui loro effetti sul corpo.

Se l’articolo vi è piaciuto, vi ricordiamo che nella nostra newsletter offriamo contenuti gratuiti e offerte speciali:

Referencias

1. Volkow, N.D., et al., Adverse Health Effects of Marijuana Use. New England Journal of Medicine, 2014. 370(23): p. 2219-2227.

Smith, C.J., et al., La diversità fitochimica della cannabis commerciale negli Stati Uniti. PLoS one, 2022. 17(5): p. e0267498.

3. Englund, A., et al., Il cannabidiolo inibisce i sintomi paranoici provocati dal THC e la compromissione della memoria dipendente dall’ippocampo. Journal of Psychopharmacology, 2013. 27(1): p. 19-27.

4. Boggs, D.L., et al., Evidenze cliniche e precliniche delle interazioni funzionali di cannabidiolo e Δ 9-tetraidrocannabinolo. Neuropsicofarmacologia, 2018. 43(1): p. 142-154.

5. Solowij, N., et al., Uno studio randomizzato controllato di Δ 9-tetraidrocannabinolo e cannabidiolo vaporizzati da soli e in combinazione in consumatori frequenti e infrequenti di cannabis: effetti di intossicazione acuta. Archivi europei di psichiatria e neuroscienze cliniche, 2019. 269(1): p. 17-35.

6. Carter, G.T., et al., Cannabis in medicina palliativa: migliorare le cure e ridurre la morbilità legata agli oppioidi. American Journal of Hospice and Palliative Medicine, 2011: p. 1049909111402318.

7. Calhoun, S.R., G.P. Galloway e D.E. Smith, Abuse potential of dronabinol (Marinol®). Journal of psychoactive drugs, 1998. 30(2): p. 187-196.

8. Zuardi, A.W., J.E.C. Hallak e J.A.S. Crippa, Interazione tra cannabidiolo (CBD) e∆ 9-tetraidrocannabinolo (THC): influenza dell’intervallo di somministrazione e del rapporto di dose tra i cannabinoidi. Psicofarmacologia, 2012. 219(1): p. 247-249.

Domande sull’evoluzione della marijuana e sullo sviluppo di nuovi ceppi

Che cos’è la selezione artificiale della marijuana?

La selezione artificiale è un metodo evolutivo utilizzato in agricoltura che spiega il processo con cui l’uomo sceglie le piante con caratteristiche desiderabili per allevare e sviluppare colture future a partire dai loro semi. In questo metodo, l’uomo svolge un ruolo attivo nell’evoluzione della specie, selezionando con cura gli esemplari con caratteristiche desiderabili, come le varietà di marijuana con una maggiore concentrazione di cannabinoidi THC o le cime grandi delle piante di marijuana. In questo modo, gli organismi vengono attivamente modellati per soddisfare le esigenze umane.

Come si sviluppano i ceppi di marijuana?

Le varietà di marijuana si ottengono incrociando diversi tipi di marijuana, selezionando gli esemplari con le caratteristiche migliori, il che si chiama selezione artificiale.

Come si ottiene la marijuana senza THC?

La marijuana senza THC è stata ottenuta incrociando ceppi ad alto contenuto di CBD. Lo spiegherò in un altro articolo, ma quando il gene che produce il composto THC è troncato o difettoso, il composto THC non viene prodotto e si accumulano altri cannabinoidi, come il CBD. Pertanto, i ceppi di solo CBD hanno probabilmente un gene THC fallito. Quelli che producono sia THC che CBD hanno geni che competono in modo simile per il precursore (CBGA), mentre quelli che producono solo THC hanno un gene CBD fallito.

Quali sono gli effetti del THC?

Il THC o Δ-9-tetraidrocannabinolo è uno dei composti cannabinoidi ottenuti dalla pianta di Cannabis sativa. La pianta produce il cannabinoide in forma acida (THCA; acido Δ-9-tetraidrocannabinolo) ma quando viene riscaldata, questa forma acida si trasforma nella sua forma neutra (THC) attraverso un processo chimico chiamato decarbossilazione. Il THC, oltre a essere il composto psicoattivo (quello che produce lo sballo), ha anche possibilità terapeutiche.

Esiste una marijuana geneticamente modificata?

È un mito che esista una marijuana transgenica, cioè una marijuana in cui sono stati introdotti geni di un’altra specie di pianta o addirittura di animale. Non credo nemmeno che esista una marijuana cisgenica, in cui vengono introdotti geni della stessa specie di Cannabis sativa. L’introduzione di geni in laboratorio è un processo che richiede tempo, personale adeguato e macchinari specializzati. Ora, diverse aziende biotecnologiche ci stanno lavorando ed è possibile che in pochi anni avremo marijuana trans o cis-genica, che aiuterebbe, ad esempio, a far sì che la canapa produca poco THC o che le femmine non fecondino.

Il CBD è psicoattivo o psicotropo?

Il CBD o cannabidiolo è un altro cannabinoide ottenuto dalla cannabis. La pianta produce acido cannabidiolico (CBDA) che, una volta riscaldato e attraverso il processo di decarbossilazione, viene convertito in CBD. Pur non essendo psicoattivo come il THC, il CBD è psicotropo, cioè non ha effetti intossicanti ma agisce sul cervello. Questo composto è molto promettente anche in campo medico.

Quali sono le varietà di marijuana CBN?

Il CBN è un tipo particolare di cannabinoide perché, a differenza di molti altri della sua famiglia, non viene prodotto naturalmente durante il processo di crescita della pianta. Il CBN è invece prodotto dalla scomposizione del THC attraverso un processo ossidativo che avviene naturalmente, soprattutto con il passare del tempo. Il CBN ha un effetto psicoattivo inferiore a quello del THC, il che rappresenta un vantaggio per molti consumatori. Le varietà di marijuana ad alto contenuto di CBN sono difficili da trovare, poiché l’interesse per questa sostanza è relativamente nuovo.

Dra. Daniela Vergara
Investigadora y catedrática | Especialista en cultivos emergentes y consultora de cannabis

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)