Effetti dei terpeni nella cannabis: dagli aromi alle esperienze uniche

Effetto dei terpeni

Quando si apre una bustina di cime di marijuana CBD e si respira profondamente l’aroma pungente e inconfondibile della cannabis, ciò che si sente sono i terpeni. Questi composti invisibili sono i principali responsabili del profilo aromatico unico delle diverse varietà di cannabis. Ma i terpeni della cannabis sono molto più che semplici aromi.

I terpeni evocano una serie di sensazioni ed effetti nei consumatori di cannabis.

Il mondo della cannabis è molto più complesso e affascinante di quanto possa sembrare a prima vista. Unitevi a noi in questa monografia sugli effetti e le sensazioni dei terpeni della cannabis.

Scoprite i terpeni e migliorate la vostra esperienza con la cannabis

Cosa sono i terpeni e qual è la loro funzione?

Brevemente, i terpeni sono composti aromatici che conferiscono l’odore a molte piante, tra cui la marijuana. I terpeni della cannabis si trovano nei tricomi, quei peli appiccicosi, bulbosi e pieni di resina che rivestono le cime. In questa resina si trovano anche i cannabinoidi .

La pianta di cannabis produce più di 200 tipi di terpeni, che agiscono come una sorta di“arma chimica” contro i predatori. La maggior parte di questi sono presenti in quantità molto ridotte e solo una decina sono presenti in quantità significativamente superiori agli altri.

La combinazione unica di terpeni maggioritari e minoritari è ciò che conferisce alle diverse varietà di cannabis i loro profili olfattivi caratteristici.

Al contrario, i cannabinoidi, come il cannabidiolo (CBD) o il tetraidrocannabinolo (THC), non hanno alcun aroma.

La funzione fondamentale di questi composti è quella di fornire informazioni che ci permettono di identificare rapidamente la sostanza che abbiamo di fronte. Ma proprio questo fatto istintivo è diventato oggi molto sofisticato. Oggi i terpeni e gli altri composti aromatici della cannabis vengono utilizzati per offrire un’esperienza sensoriale unica.

Effetti dei terpeni della cannabis

Che effetto hanno i terpeni?

I terpeni svolgono un ruolo cruciale nel modo in cui sperimentiamo la cannabis. I suoi effetti sono legati non solo al piacere olfattivo dei consumatori, ma anche alla modulazione e alla potenza dell’effetto dei cannabinoidi.

Il solo profumo dei boccioli può farci strizzare gli occhi e trasportarci in un ricordo, farci sorridere o storcere il naso. Questi piccoli gesti, apparentemente semplici, sono in realtà parte di complesse reazioni chimiche prodotte da queste minuscole molecole aromatiche nel nostro cervello – e in pochi secondi!

Dalle dolci note floreali agli aromi seducenti, penetranti e legnosi, ogni varietà di fiori risveglia in noi sensazioni diverse.

E se questo non fosse abbastanza incredibile, ancora più sorprendente è il fatto che ogni persona può avere una percezione diversa degli stessi aromi. Questa è la complessità degli effetti dei terpeni della cannabis!

Tipi di terpeni della cannabis e loro effetti

I principali terpeni della cannabis e i loro effetti

  • Mircene è il terpene predominante nelle varietà di cannabis. Ha un aroma profondo, leggermente dolce, speziato e terroso, con sfumature speziate e sottili note fruttate. È nota per i suoi effetti calmanti e sedativi e si pensa che possa potenziare le proprietà sedative della cannabis. Le varietà ad alto contenuto di mircene sono collegate al ben noto “couch-lock”, l’effetto per cui la cannabis ti stordisce sul divano.
  • Il beta-cariofillene è il secondo terpene più abbondante nelle varietà di cannabis. Ha note pungenti, speziate e pepate. Si trova anche nel pepe nero ed è l’unico terpene con comprovate proprietà cannabinoidi. Si dice che abbia proprietà analgesiche, antinfiammatorie, ansiolitiche, rilassanti e altre proprietà.
  • Limonene Limonene: come suggerisce il nome, è responsabile dell’aroma agrumato e rinfrescante degli agrumi. Ma è anche il profumo di punta di molte varietà di marijuana ed è molto apprezzato dai consumatori di cannabis. Il suo effetto principale è quello di elevare l’umore.
  • Umulene Umulene: l’umulene è il terpene di punta del luppolo, l’aroma della birra. Il suo aroma è complesso, erbaceo e rinfrescante, terroso, legnoso e resinoso . È nota per le sue proprietà antinfiammatorie e analgesiche.
  • Alfa e Beta Pinene: Questi due terpeni, che fanno parte del pinene sono noti per la loro aroma fresco e penetrante, caratteristico del pino e della trementina, che ci trasporta direttamente in una foresta rigogliosa – pensate all’odore del legno appena tagliato! Il suo effetto è quello di mantenerci vigili e calmi. Gli studi suggeriscono che hanno proprietà antinfiammatorie e di miglioramento della memoria.

Degustazione di marijuana: la nuova esperienza della cannabis

Sono finiti i tempi in cui la selezione dei fiori di cannabis si basava esclusivamente sui livelli di cannabinoidi THC o CBD. Oggi l’attenzione è rivolta anche ai veri protagonisti che definiscono l’esperienza olfattiva dei consumatori: i terpeni.

Le degustazioni di marijuana vi porteranno in un’avventura sensoriale, esplorando l’aroma dei fiori resinosi con note dolci, amare, terrose, speziate, floreali e fruttate.

Attualmente, la selezione o lo sviluppo di nuove varietà di marijuana si concentra in gran parte sui terpeni presenti nella pianta, non solo sui cannabinoidi. Perché è noto che lo sviluppo di profili terpenici unici può fornire un viaggio senza precedenti.

I segreti dei terpeni della cannabis: come influenzano lo sballo?

L’effetto entourage

L’effetto della cannabis, le sue proprietà bioattive, derivano dal gran numero di metaboliti secondari della pianta, tra cui cannabinoidi, terpenoidi, steroli e flavonoidi. Tradotto: come in un’orchestra, i diversi composti della pianta di cannabis lavorano insieme per produrre un effetto più forte di quello che ci si potrebbe aspettare se assunti singolarmente.

Questo fenomeno molto interessante, noto come effetto entourage, è stato descritto dal ricercatore israeliano Raphael Mechoulam alla fine degli anni Novanta. Da allora, è stato indagato per decenni.

L’effetto entourage spiega che i terpeni agiscono in sinergia con i cannabinoidi, potenziandone gli effetti sull’organismo.

Pertanto, i cannabinoidi e i terpeni interagiscono tra loro in modo sinergico. Alcuni di questi composti possono potenziare l’effetto rilassante del CBD, potenziare gli effetti psicoattivi del THC o attenuare gli effetti psicoattivi della marijuana, come esempi di terpeni e dei loro effetti.

Come interagiscono i terpeni con i cannabinoidi?

Purtroppo, nonostante le ricerche e i dati in corso siano numerosi, le interazioni tra terpeni e cannabinoidi non sono ancora del tutto note. Anche se sarebbe entusiasmante descrivere quale terpene attenua o potenzia gli effetti mentali o fisici della cannabis, non disponiamo ancora di dati conclusivi sufficienti per fare una tale affermazione.

Sappiamo, ad esempio, che il terpene beta-cariofillene può legarsi ai recettori CB2 dei cannabinoidi, coinvolti nella regolazione del dolore e dell’infiammazione, e potenziare gli effetti analgesici dei cannabinoidi.

I terpeni determinano l’effetto indica o sativa?

Attraverso tutti questi meccanismi, i terpeni della cannabis influenzano direttamente gli effetti di una varietà di cannabis, determinando se l’effetto sarà più rilassante o più cerebrale. Tuttavia, è impossibile ignorare che anche i cannabinoidi svolgono un ruolo cruciale nell’effetto della cannabis.

Sebbene la differenza tra ceppi indica e sativa sia stata tradizionalmente associata a fattori genetici, ricerche più recenti hanno dimostrato che è il chemiotipo a essere più importante nel determinare l’effetto della cannabis, riferendosi alla misurazione del profilo terpenoide e cannabinoide delle cime. Di conseguenza, sempre più scienziati suggeriscono un nuovo modello di classificazione delle piante di cannabis in base ai loro profili fitochimici unici (chemiotipi), piuttosto che alle denominazioni indica o sativa. indica o sativa .

Benefici dei terpeni della cannabis

Scoprire i benefici dei terpeni nella cannabis

Quando si è iniziato a studiare le proprietà terapeutiche della cannabis, tutto l’interesse si è concentrato sui cannabinoidi, in particolare sul THC. Tuttavia, i ricercatori si sono presto resi conto che il THC puro non aveva gli stessi benefici terapeutici dell’estratto della pianta. Si è così scoperto che anche i terpeni svolgono un ruolo importante negli effetti terapeutici della pianta.

Modulando e potenziando gli effetti dell’erba, i terpeni sono interessanti per chi cerca un’esperienza sensoriale piacevole e aprono la possibilità di sviluppare nuove varietà di cannabis specifiche per determinati effetti. Ora sappiamo che, oltre a conferire alla cannabis i suoi aromi unici, i terpeni vengono studiati per i loro possibili effetti sull’organismo.

Proprietà dei terpeni della cannabis

La maggior parte dei benefici dei terpeni della cannabis ci sono noti grazie all’aromaterapia, che da secoli studia gli oli essenziali delle piante, composti principalmente da terpeni.

I terpeni possono esercitare effetti sull’attività elettrica cerebrale e sui neurotrasmettitori, eccitando o riducendo l’attività di alcune aree del cervello.

Ma siete sicuri che un semplice profumo possa avere un tale impatto sul corpo? Sì, sembra proprio di sì! Non è un’esagerazione. Studi scientifici dimostrano che i terpeni hanno un effetto sull’organismo anche in dosi molto piccole.

Come agiscono i terpeni nell’organismo?

Questi piccoli e potenti aromi possono essere assorbiti per via aerea , attraverso l’inalazione, per via digestiva, quando vengono ingeriti per via orale, e per via cutanea, quando vengono applicati sulla pelle.

Grazie alla loro natura chimica lipofila, i terpeni vengono assimilati molto rapidamente, raggiungendo in breve tempo il cervello, dove attraversano facilmente la barriera emato-encefalica ed esercitano molti dei loro effetti mentali.

Come già detto, la cannabis contiene centinaia di terpeni. Cercare di elencare tutti i loro benefici è estremamente complesso, poiché ognuno di questi composti ha proprietà leggermente diverse e interagiscono tra loro. La situazione si complica ulteriormente quando entrano in gioco i cannabinoidi, a causa del già citato effetto entourage.

Tenendo conto di ciò, in modo generico, i potenziali effetti benefici dei terpeni che evidenziamo sono i seguenti:

Aumentare l’umore

Il beneficio più evidente dei terpeni è senza dubbio quello di inondare la nostra mente e la nostra realtà di aromi piacevoli e gradevoli, capaci di rilassare gli altri sensi, per entrare in un’esperienza puramente sensoriale.

I profumi dolci e floreali possono trasportarci in un ricordo di primavera o in un cesto di frutta estiva; i profumi penetranti, erbacei o terrosi, in un bosco tranquillo in mezzo alla natura, o l’odore dei prati erbosi al mattino.

La percezione degli odori è irrazionale e involontaria, ed è per questo che ci portano nel profondo delle nostre esperienze e ci permettono – e ci impongono – di disconnetterci.

Non riuscite a smettere di pensare a qualcosa che vi preoccupa? Cercate di sentire un odore piacevole e pensate a cosa vi ricorda. Oppure cercate di ricordare l’odore di un luogo piacevole. Vi accorgerete che, immediatamente, tutti i vostri pensieri si spegneranno per un momento. Perché poche cose richiedono tanta attenzione quanto l’olfatto e sono potenti come gli aromi.

L’olfatto è un input di informazioni diverse dai nostri pensieri, che l’aromaterapia sfrutta per i suoi benefici su ansia, depressione e problemi del sonno.

Alcuni studi hanno dimostrato l’effetto ansiolitico e antidepressivo dei terpeni. Ad esempio, è stato dimostrato che alcuni terpeni, come il pinene e il linalolo, hanno effetti su neurotrasmettitori come il GABA.

Sedativi e rilassanti

Un’altra delle proprietà di punta dei terpeni è il loro effetto sedativo e rilassante. In particolare, il mircene, il terpene più abbondante nelle varietà di marijuana, è noto per favorire la sonnolenza e alleviare lo stress.

Analgesici, per il dolore e le infiammazioni

I terpeni hanno grandi benefici legati all’analgesia, grazie al loro potenziale come antinfiammatori naturali. È stato dimostrato che alcuni terpeni hanno effetti cannabimetici, che possono potenziare l’analgesia prodotta dai cannabinoidi (1).

Alcuni dei terpeni più studiati, noti per le loro proprietà antinfiammatorie e analgesiche, sono il limonene e il cariofillene.

Usi dei terpeni della cannabis

Vaporizzazione di terpeni di cannabis

Se siete appena approdati nel mondo dei terpeni, tenetevi forte. Attualmente esiste un’industria molto potente che si occupa della vaporizzazione di vaporizzazione della cannabis mescolando i terpeni per cercare di riprodurre i sapori di alcune mitiche varietà commerciali di marijuana.

I liquidi da svapo miscelano accuratamente i terpeni per imitare gli aromi della cannabis e i suoi effetti. Queste aziende offrono un’intera gamma di e-liquid alla cannabis, imitando i ceppi di marijuana e i loro possibili effetti.

Gelatine alla cannabis

I terpeni sono ampiamente utilizzati nella produzione di gummies di cannabis. gomme alla cannabis che possono contenere o meno cannabinoidi.

Cannabis medica e terpeni

Nella cannabis, le proprietà dei terpeni stanno attirando l’attenzione soprattutto per lo sviluppo di ceppi di cannabis medica per l’uso in persone con malattie infiammatorie. I terpeni presenti nella marijuana possono modulare l’attività dei cannabinoidi, che viene utilizzata come potente strumento terapeutico per potenziare la terapia con i cannabinoidi.

Le terapie con cannabinoidi possono indurre effetti collaterali psicoattivi e somatici. In questo senso, lo sviluppo di varietà di marijuana medica con un chemiotipo specifico potrebbe modulare l’effetto psicoattivo del THC e attenuare gli effetti mentali causati dal trattamento. I terpeni della cannabis permettono quindi non solo di massimizzare l’efficacia terapeutica dei cannabinoidi, ma anche di ridurre gli effetti collaterali psicoattivi indesiderati.

Il mondo dei terpeni: sono molto più che semplici aromi!

Come abbiamo esaminato in un precedente articolo, la pianta di Cannabis sativa è eccezionalmente ricca di sostanze fitochimiche, in grado di produrre centinaia di cannabinoidi e terpeni diversi.

Sebbene i primi siano sempre stati al centro dell’attenzione, anche i terpeni della cannabis influenzano l’effetto che ogni varietà di cannabis produce. Le diverse combinazioni di cannabinoidi, terpeni e altri composti profumati possono influenzare gli effetti e le sensazioni fornite da ciascuna varietà di cannabis. Di conseguenza, un numero sempre maggiore di appassionati di cannabis si diverte a sperimentare e a individuare quali terpeni sono presenti nella gemma scelta e come si sentono.

Spero che in questo articolo vi siate resi conto del potenziale dei terpeni della cannabis. Ma non fidatevi della nostra parola, sperimentate! La prossima volta che sentirete l’odore della cannabis, concentratevi e immergetevi nelle sensazioni che vi regala. Pensate alle centinaia di composti e reazioni chimiche coinvolte e a come i terpeni vi accompagnano nella vostra esperienza con la cannabis.

Referencias
  1. LaVigne JE, Hecksel R, Keresztes A, Streicher JM. I terpeni della Cannabis sativa sono cannabimetici e potenziano selettivamente l’attività dei cannabinoidi. Sci Rep. 2021 Apr 15;11(1):8232. doi: 10.1038/s41598-021-87740-8. PMID: 33859287; PMCID: PMC8050080.
  2. Russo EB. Domare il THC: potenziale sinergia della cannabis ed effetti dell’entourage fitocannabinoide-terpenoide. Br J Pharmacol. 2011 Aug; 163(7):1344-64. doi: 10.1111/j.1476-5381.2011.01238.x. PMID: 21749363; PMCID: PMC3165946.

Informazioni sui terpeni della cannabis (domande frequenti o curiose)

Quale dose di terpene può causare effetti nell’organismo?

Come possono molecole in dosi minime avere un effetto sul corpo? Ne sentiamo solo l’odore, non li mangiamo nemmeno”, ha commentato un cliente. È una riflessione molto interessante. Non è irragionevole chiedersi se gli aromi di cannabis possano effettivamente avere effetti reali sull’organismo. I terpeni sono composti volatili altamente biodisponibili per l’organismo e possono essere assorbiti molto facilmente attraverso i polmoni, per inalazione. Sono rapidamente metabolizzati e distribuiti nell’organismo, con una natura lipofila che li rende altamente affini alle strutture cerebrali, dove possono esercitare i loro effetti. Pertanto, è possibile osservare i benefici dei terpeni a concentrazioni sieriche non rilevabili. Si ritiene che i terpeni abbiano effetti a concentrazioni pari o superiori allo 0,05% (2).

Tutti i composti aromatici della cannabis sono terpeni?

Beh, no. Sebbene i terpeni siano al centro dell’attenzione, la cannabis contiene altri composti aromatici. Ad esempio, l’aroma di puzzola non deriva dai terpeni, ma da composti solforati, come quelli presenti nell’aglio! La cannabis non smette mai di stupire!

Come viene modificato il contenuto di terpeni della cannabis?

La composizione terpenica della cannabis sembra essere determinata sia dalla genetica della pianta che dall’ambiente di coltivazione. In termini di quantità, il tipo di coltivazione può cambiare la resa. Come per i cannabinoidi, la produzione di terpeni nella cannabis aumenta con l’esposizione alla luce, ma diminuisce con la fertilità del suolo. Ciò è supportato dall’esperienza nella coltivazione indoor, che mostra rese più elevate se le piante subiscono una relativa carenza di azoto poco prima del raccolto, favorendo la crescita floreale rispetto a quella fogliare. Tuttavia, se parliamo di qualità, se volete una varietà con un certo aroma, dovreste anche guardare alla genetica della pianta quando acquistate i semi.

Che aspetto hanno i terpeni dal punto di vista visivo?

L’aspetto dei terpeni è simile a quello di un olio. Le immagini dei terpeni della cannabis sono semplicemente gocce di resina dall’aspetto viscoso.

Quali sono le migliori varietà di terpeni di cannabis?

È difficile decidere la migliore varietà di terpeni, perché si tratta di una valutazione totalmente soggettiva. Tuttavia, sulla base di studi condotti nei dispensari statunitensi (dove la cannabis è legale), sembra che i consumatori apprezzino maggiormente i profili di terpenoidi agrumati o rinfrescanti. Su Cannactiva troverete questi aromi nei fiori Orange Mood, Candy Krush, Ohana, Limoncello, Willits o Vibration, tra gli altri.

Qual è il contenuto di terpeni della cannabis?

La maggior parte delle piante di cannabis ha un contenuto di terpeni inferiore all’1%. Alcune varietà ad alto contenuto di terpeni (di solito la cannabis commerciale) contengono l’1-3% di terpeni. Sono state segnalate anche concentrazioni superiori, fino al 5%, sebbene meno comuni. È importante notare che il contenuto di terpeni può essere influenzato da una serie di fattori, come la genetica della pianta, l’ambiente, lo stato di maturazione al momento del raccolto e il metodo di estrazione utilizzato per ottenere il prodotto finale.

Qual è il meccanismo d’azione dei terpeni nell’organismo?

Se siete scienziati e vi state chiedendo il meccanismo d’azione dei terpeni, ve lo spieghiamo noi. Questi composti sono farmacologicamente molto versatili e possono interagire con le membrane cellulari, i canali ionici neuronali e muscolari, i recettori dei neurotrasmettitori, i recettori accoppiati a proteine G (recettori dell’odore e del gusto), i sistemi di secondi messaggeri e gli enzimi. Gli studi sugli animali suggeriscono che i terpenoidi possono avere effetti profondi sui livelli di attività, suggerendo un effetto farmacologico diretto sul cervello, anche a concentrazioni sieriche estremamente basse.

Cannactiva
En Cannactiva queremos cambiar la perspectiva sobre el cannabis. Te traemos lo mejor de la planta a través de nuestros productos y de los posts que puedes leer en nuestro [...]

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)