Come usare il CBD per i dolori mestruali - Cannactiva

Come usare il CBD per i dolori mestruali

CBD per i dolori mestruali

I dolori mestruali sono una realtà che molte donne affrontano ogni mese. Trovare modi efficaci e naturali per alleviare questo disagio è essenziale per migliorare la qualità della vita di queste persone. In questo senso, negli ultimi anni l’olio di CBD e creme al CBD hanno guadagnato popolarità come opzione per alleviare i dolori mestruali.

In questo post di Cannactiva vi spieghiamo come potete affrontare il trattamento dei dolori mestruali attraverso l’osteopatia ginecologica, la fisioterapia del pavimento pelvico e l’uso di prodotti a base di CBD. Eva Federici, osteopata e fisioterapista specializzata in salute della donna e sessuologia, e fondatrice del centro ReActiva Sants ci fornisce una spiegazione dettagliata.

Il CBD nel trattamento dei dolori mestruali

Che cos’è il dolore mestruale?

Il dolore mestruale, tecnicamente noto come dismenorrea, è un disturbo comune che colpisce un’alta percentuale di donne spagnole (tra il 20% e il 60%, a seconda dell’età). Nel 10-15% dei casi il dolore è intenso (1).

I sintomi, che variano da lievi a gravi, possono manifestarsi in diversi tipi di dolore (spasmodico, costante o misto), oltre che nella loro intensità, durata e localizzazione. Inoltre, possono includere dolori addominali, pelvici, emicranie, stanchezza e sbalzi d’umore. Talvolta, il dolore mestruale può indicare la presenza di endometriosi (2), sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) (3) o altre patologie che è importante individuare o escludere attraverso una visita medica specialistica. Tuttavia, esistono anche numerosi casi in cui non viene rilevata alcuna patologia, e in questi casi la medicina non offre altre soluzioni se non trattamenti ormonali per inibire il ciclo mestruale (4) o l’uso di farmaci antinfiammatori (5).

L’osteopatia ginecologica (6), la fisioterapia perineale (7), l’alimentazione (8) e l’uso del CBD (9) sono approcci naturali che possono avere un impatto significativo sulla qualità della vita in situazioni di dolore ginecologico, sia con che senza patologia associata.

Olio di CBD per i dolori mestruali
Il dolore mestruale può essere un’opportunità per la conoscenza di sé.

Come terapeuta e donna che ha sofferto di dolori mestruali per molti anni, credo fermamente nella necessità di prendere coscienza di ciò che accade in ogni fase del ciclo mestruale, di conoscere il nostro corpo e di sapere come reagisce a ogni fluttuazione ormonale. Questo rappresenta il primo passo per affrontare il dolore. Il ciclo mestruale di una donna funge da indicatore dello stato di salute del corpo e della mente (10): se il dolore persiste ogni mese, sempre durante la stessa fase mestruale, indica che qualcosa non funziona correttamente.

Che cos’è il CBD?

Il cannabidiolo (CBD) è un composto non psicoattivo presente nella pianta di cannabis. Sebbene la cannabis sia nota soprattutto per la sua componente psicoattiva (THC), il CBD è diverso da questo punto di vista e non produce i tipici effetti di “sballo” o di alterazione della percezione mentale associati al consumo di marijuana.

Il CBD viene studiato per i suoi potenziali effetti benefici sul dolore. Date le sue proprietà antinfiammatorie e analgesiche, il CBD può essere una promettente opzione naturale per aiutare le donne a ridurre il dolore provato durante il ciclo mestruale.

Trattamento dei dolori mestruali con il CBD

Cosa si può fare per eliminare i dolori mestruali?

Il trattamento del dolore mestruale può essere affrontato da diverse prospettive. Oggi è frequente che le donne ricorrano all’uso di farmaci analgesici come l’Ibuprofene, l’Enantyum o il Naprossene, o a terapie ormonali come la pillola anticoncezionale e gli impianti subdermici di progestinici, che inibiscono l’ovulazione, dando luogo a “false mestruazioni” prive di dolore. Tuttavia, esistono altre opzioni terapeutiche altrettanto valide ed efficaci, come ad esempio:

  • Terapia manuale: osteopatia ginecologica e fisioterapia perineale.
  • Consapevolezza del corpo: pratiche di meditazione e respirazione.
  • Linee guida come la crema antinfiammatoria al CBD, l’olio di CBD, l’uso di calore o freddo e lo stretching.
  • Esercizio adattato a ciascuna fase del ciclo mestruale.
  • Dietoterapia: il cibo come prima forma di medicina.

Stiamo parlando di strumenti naturali che agiscono su diversi sistemi corporei. In particolare, l’osteopatia e la nutrizione tengono conto dello stato infiammatorio-digestivo, del sistema nervoso e del livello di stress e riposo, del sistema vascolare, osteo-articolare e miofasciale della donna (6).

Di seguito sono descritti alcuni dei trattamenti che utilizziamo per affrontare i dolori mestruali presso il nostro centro.

Trattamento dei dolori mestruali con osteopatia e fisioterapia

Nel campo dell’osteopatia, la premessa fondamentale è che il corpo ha la capacità di guarire da solo. Le tecniche manuali, come il massaggio, sono utilizzate per promuovere questo processo di guarigione naturale (11). L’obiettivo è mantenere e ripristinare l’equilibrio di organi come l’utero, le ovaie, l’intestino e le ghiandole che bilanciano la fisiologia mestruale ed endometriale.

Attraverso l’osteopatia, affrontiamo eventuali problemi strutturali, dando mobilità alle aree ristrette, e anche problemi funzionali, migliorando il flusso sanguigno che potrebbe essere la causa del dolore (12). Solo dopo aver identificato se il problema è di origine meccanica, ormonale, metabolica, vascolare o mista, è possibile pianificare un trattamento efficace.

In alcuni casi è necessario un intervento di fisioterapia del pavimento pelvico, soprattutto quando il dolore ha portato allo sviluppo di contratture vaginali e/o addominali (13).

L’approccio al trattamento dei dolori mestruali varia a seconda del tipo di dolore e del caso specifico. Lavoriamo in team con diversi professionisti per ottenere il miglior risultato. Inoltre, esistono raccomandazioni complementari al trattamento, come ad esempio:

  • Nei casi di dolore spasmodico, che si presenta in modo intenso e quasi ritmico, è importante rilassare la muscolatura uterina. L’applicazione di calore all’addome può aiutare a ridurre i dolori mestruali. Per fornire calore si possono usare cuscinetti riscaldanti, sacchetti di stoffa con sale o legumi secchi caldi, oppure asciugamani inumiditi con infusi caldi.
  • Quando il dolore è costante, è necessario un intervento circolatorio. Si raccomanda una respirazione profonda e lenta, un leggero stiramento dei glutei ed esercizi di Kegel per stimolare la circolazione. Un altro consiglio utile è quello di eseguire un massaggio vascolare sotto la doccia, utilizzando sale fino per esfoliare i glutei, l’osso sacro e la fascia laterale delle cosce, per poi terminare con acqua fredda su queste zone.

In entrambi i casi, si suggerisce l’uso del CBD per ridurre l’infiammazione locale, attraverso lubrificanti al CBD, creme al CBD per l’area genitale o olio al CBD applicato alla zona. Questi trattamenti possono essere integrati con gocce di CBD.

Massaggi con creme al CBD per i dolori mestruali

Il creme al CBD sono utilizzate in fisioterapia per trattare vari tipi di dolore. Queste creme sono formulate in modo specifico e combinano il cannabidiolo con altre piante analgesiche e antinfiammatorie come l’arnica, l’iperico, l’artiglio del diavolo e la mimosa. Si tratta in genere di creme dall’aroma forte e pronunciato, che vengono assorbite rapidamente e possono essere massaggiate.

A mio parere personale, raccomando il massaggio della zona addominale, lombare e pelvica. Tuttavia, esistono anche numerosi casi in cui questo automassaggio può essere estremamente efficace a livello cervicale e cranico (14). Inoltre, questo tipo di massaggio può influenzare l’ipofisi e la tiroide, nonché il nervo vago, che si estende dal cranio all’utero, regolandone la funzione. Le proprietà del CBD, in combinazione con gli oli essenziali, generano un doppio effetto sia a livello cutaneo, entrando in circolo, sia sul sistema nervoso attraverso l’aromaterapia (15).

Come assumere l’olio di CBD per i crampi mestruali?

Da un punto di vista più ampio, il CBD Gocce di CBD hanno la capacità di ridurre l’infiammazione nel corpo, il che può contribuire in modo significativo ad alleviare i dolori mestruali. È sempre più consigliato l’uso dell’olio di CBD come soluzione per i dolori mestruali, soprattutto dalla fase dell’ovulazione fino ai primi giorni delle mestruazioni.

Nelle situazioni in cui l’infiammazione è dovuta a problemi digestivi, è essenziale affrontare la dieta in modo complementare insieme all’incorporazione di un regime specifico di CBD sotto forma di gocce (16).

Dosaggio del CBD per i dolori mestruali

Per quanto riguarda la dose di CBD da assumere per i dolori mestruali, non esiste una quantità unica che vada bene per tutti, poiché la risposta al CBD varia da persona a persona. D’altra parte, sebbene numerosi studi sostengano le proprietà antinfiammatorie e analgesiche del CBD, non ci sono dati sufficienti sull’uso di questi prodotti specificamente per i dolori mestruali. Sono state riportate dosi empiriche di CBD per il dolore ginecologico, che vanno da 1 mg a 2000 mg di CBD al giorno, somministrati per via orale o inalatoria (9). Questa ampia variabilità nel dosaggio è dovuta al fatto che il CBD agisce in modo diverso sugli individui, a causa di fattori quali il metabolismo, il peso, la storia dell’uso di cannabinoidi e altre particolarità personali. Da Cannactiva si apprende che alcune donne hanno riferito di aver utilizzato dosi da 3 a 5 gocce (tra 15 e 25 mg di CBD) di olio di CBD al 10% per i dolori mestruali, 3 volte al giorno. Le donne con dolore grave utilizzano lo stesso dosaggio ma con il 20% di olio di CBD, equivalente a 30-50 mg di CBD.

In generale, si consiglia di iniziare con dosi molto basse e di attendere qualche giorno per valutare gli effetti del CBD. Inoltre, è fondamentale considerare le possibili interazioni del CBD con i farmaci, per cui si raccomanda di consultare un professionista prima di utilizzare i prodotti a base di CBD.

In conclusione…

Il trattamento dei dolori mestruali va oltre la semplice applicazione di una crema, l’esecuzione di un massaggio o il rispetto delle linee guida dietetiche generali. In base al mio background professionale e alle mie esperienze personali, è fondamentale tenere presente che il dolore mestruale è composto da aspetti biologici, psico-emotivi e sociali; questa complessità non dovrebbe mai essere trascurata. Pertanto, sostengo con forza l’importanza di comprendere la fisiologia del ciclo mestruale, di analizzare ogni variante di dolore in ogni donna e di adottare un approccio multidisciplinare, che vada al di là del medico.

La sinergia tra osteopatia ginecologica, nutrizione, ginecologia olistica e sessuologia si rivela il fattore essenziale per un approccio veramente olistico da una prospettiva biopsicosociale.

Se state pensando di utilizzare il CBD per alleviare i dolori mestruali, il mio consiglio è di rivolgervi a un team di specialisti che possa condurre uno studio specifico sul vostro tipo di dolore. Questo team vi fornirà una consulenza personalizzata e gli strumenti necessari per affrontare il trattamento in modo realistico e con successo. Se vi trovate a Barcellona, il centro ReActiva Sants sarà lieto di aiutarvi.

Per maggiori informazioni e consigli personalizzati sul trattamento dei dolori mestruali, consultare un professionista della salute prima di utilizzare il CBD. I prodotti Cannactiva non sono farmaci e sono destinati all’uso esterno. Si noti che questo è un articolo informativo e non intende prevenire, diagnosticare o trattare alcuna malattia o sintomo. Il suo contenuto può integrare, ma mai sostituire, la diagnosi o il trattamento di qualsiasi malattia o sintomo.

Raccomandazioni di Andrea de Cannactiva

Andrea Rezes fa parte della famiglia Cannactiva da molti anni ed è uno dei responsabili del servizio clienti e della formazione che offriamo. Quando ha letto questo post, ci ha parlato di alcune letture che consiglierebbe a tutte le donne e che condividiamo nel caso in cui qualcuna possa essere attratta:

Pariremos con Placer, di Casilda Rodriganez

Fornisce informazioni storiche e antropologiche che ci danno una prospettiva sulla liberazione che può derivare dalla comprensione del nostro grembo sia da un punto di vista fisiologico che emotivo. Rodriguez approfondisce come il dolore sperimentato durante il ciclo mestruale e il processo del parto si manifesti come somatizzazione nel corpo, anziché essere considerato normale, anche nei casi di dolore di bassa intensità. Nel corso del libro si scopre che il nostro corpo è stato ingegnosamente progettato non solo per attenuare il dolore durante il parto, ma anche per consentire la possibilità di provare orgasmi durante questo processo. Il testo sfida inoltre il pensiero convenzionale suggerendo che il vero centro del piacere femminile si trova nell’utero, piuttosto che nel clitoride o nel punto G. In sostanza, ci invita a riconsiderare la nostra comprensione dell’anatomia femminile e ci offre una prospettiva più liberatoria sul corpo e sui suoi processi naturali.

.

Libro Endometriosi il calice e la spada

Il calice e la spada, di Riane Eisler

Un altro libro altamente raccomandato che ha significato un prima e un dopo nella mia comprensione del mondo e della società. Racconta una nuova storia delle nostre origini culturali, in cui il conflitto e la guerra dei sessi non sono stati ordinati né divinamente né biologicamente, e dimostra che un futuro migliore è possibile, saldamente radicato in ciò che è accaduto nel nostro passato. Eisler presenta un quadro concettuale per lo studio dei sistemi sociali, concentrandosi sul modo in cui una società costruisce i ruoli e le relazioni tra femminile e maschile. Basandosi su prove archeologiche, antropologiche e storiche, l’autore sostiene che in origine l’umanità non era incentrata sulla lotta e sulla competizione, ma piuttosto sull’inclusione e sulla partecipazione.

Referencias y fuentes de información
  1. Andersh, B. e Milson, I. (1982). Uno studio epidemiologico su giovani donne con dismenorrea. American Journal of Obstetrics & Gynecology, 144, 655-661.
  2. Al Adib, M. (2018). Parliamo di vagine. Madrid: Anaya (Oberon).
  3. Mendelson, Z. (2020). Pussypedia. Parigi: Larousse.
  4. Martínez, M. Contraccezione solo gestazionale: benefici non contraccettivi. Revisione dei dati, 125-134.
  5. Brooks, P. (1998). Uso e benefici dei farmaci antinfiammatori non steroidei. American Journal of Medicine, 104, 9-13.
  6. ReActiva Sants. (2019). Il dolore mestruale non è normale: come l’osteopatia può aiutarvi.
  7. Walker, C. (2015). Fisioterapia in ostetricia e uroginecologia. Madrid: Elviser.
  8. Ciebiera, M., Esfandyari, S., Siblini, H., Prince, L., Elkafas, H., Wojtyła, C., Ali, M. (2021). La nutrizione nelle malattie ginecologiche: Current Perspectives. Nutrients, 13(4), 1178. doi:10.3390/nu13041178.
  9. Blog Cannactiva. CBD ed endometriosi.
  10. Pope, A., Wurlitzer, S. H. (2018). Il potere indomabile. Madrid: Kraicon.
  11. ReActiva Sants. Storia dell’osteopatia.
  12. ReActiva Sants. Osteopatia ginecologica.
  13. Eva Federici. Guida all’automassaggio cervicale su YouTube.
  14. Eva Federici. Guida all’autotrattamento del cranio su YouTube.
  15. Eva Federici e Carolina Martignetti. Alimentazione sana e corretta per i dolori mestruali (dismenorrea) su YouTube.

Eva Federici
Fisioterapista, osteopata specializzato in ginecologia, sessuologo. Fondatore del Centro ReActiva Sants

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)