Olio di CBD sublinguale: cosa bisogna sapere prima di assumerlo

Assunzione di olio di CBD sublinguale

Probabilmente avrete sentito parlare dell’assunzione di olio di CBD per via sublinguale. Sapete perché è consigliato e quali sono i benefici di questa forma di consumo? In questo post spieghiamo i benefici e gli aspetti principali dell’uso delle gocce di CBD per via sublinguale per garantire un uso sicuro ed efficace.

Si noti che in alcuni Paesi europei, tra cui la Spagna, l’uso del cannabidiolo in forma sublinguale non è regolamentato. Vi consigliamo di informarvi sulla legalità vigente nel vostro Paese e sui diversi prodotti CBD esistenti.

Cosa significa assumere olio di CBD per via sublinguale?

L’uso del cannabidiolo (CBD) per via sublinguale si riferisce al semplice inserimento di alcune gocce di cannabidiolo ( CBD) in bocca. gocce di CBD sotto la lingua e tenerle per un po’ prima di deglutire.

Questa via di somministrazione permette al CBD di essere assorbito direttamente attraverso i vasi sanguigni sotto la lingua, con conseguente assorbimento più rapido, maggiore biodisponibilità e azione più immediata del CBD, rispetto ad altre forme di consumo.

Gli effetti del CBD assunto per via sublinguale si manifestano in pochi minuti (circa 30 minuti, anche se possono variare a seconda della persona e della dose utilizzata).

A cosa serve il CBD sublinguale?

Il cannabidiolo orale è in fase di studio per i suoi potenziali benefici in diverse condizioni, tra cui dolore cronico, ansia, depressione, insonnia, emicrania e cessazione del fumo.

Questo modo di assumere l’olio di CBD è consigliato per sentire gli effetti sul benessere. Viene utilizzata anche a scopo terapeutico, essendo una forma di somministrazione di alcuni farmaci, tra cui la cannabis terapeutica.

Come assumere correttamente l’olio di CBD per via sublinguale:

Il modo di assumere il CBD per via sublinguale nel modo giusto è piuttosto semplice. Ecco i passaggi da seguire:

Scegliere un olio di CBD adatto

Esistono diversi tipi di olio di cannabidiolo, che variano per tipo di estratto di CBD, composizione, concentrazione e gusto. Per l’uso sublinguale, si raccomanda di utilizzare un olio di CBD purificato a spettro completo. Per uso interno si consiglia di utilizzare concentrazioni del 5-10%. Se sono necessarie dosi elevate o se si conosce il loro effetto, acquistare oli con le concentrazioni più elevate, tra il 20-30%.

Dosaggio consigliato per iniziare ad assumere CBD sublinguale

Prima di utilizzare il CBD per via sublinguale, è necessario informarsi sul dosaggio consigliato, che varia a seconda dell’individuo e dello scopo dell’assunzione di cannabidiolo. Se non avete idea del dosaggio di CBD di cui avete bisogno, chiedete un parere professionale prima di usare il prodotto. Se si conosce già la quantità di CBD che si desidera utilizzare, ma è la prima volta che lo si assume, iniziare con una dose inferiore a quella raccomandata e attendere qualche giorno per aumentarla gradualmente secondo le necessità. Possono essere necessarie circa due settimane per trovare una dose adeguata.

Dosaggio del CBD

La dose di CBD viene solitamente misurata in milligrammi (mg). Il dosaggio dell’olio di CBD varia a seconda della sua concentrazione. Controllare la scheda del prodotto per vedere quanti mg di CBD contiene per goccia o pipetta. Utilizzare un contagocce o una pipetta per dosare la giusta quantità di olio di CBD.

Mettere l’olio sotto la lingua

Mettere le gocce di olio di CBD sotto la lingua con la pipetta. Evitare di toccare il contagocce direttamente sulla lingua, sui denti o sulle labbra per preservare l’igiene e la qualità del prodotto.

Tenere l’olio sotto la lingua

Tenere le gocce di olio di CBD sotto la lingua per almeno 60 secondi. Ciò consentirà al cannabidiolo contenuto nell’olio di essere assorbito attraverso i vasi sanguigni dell’area sublinguale prima di essere ingerito.

Ingerire l’olio

Dopo aver tenuto l’olio sotto la lingua per un po’, si può deglutire. Il CBD rimanente sarà assimilato durante il processo digestivo e farà effetto più tardi, prolungando così l’effetto del CBD sublinguale.

Effetti e durata del CBD assunto per via sublinguale

Quanto tempo occorre perché il CBD sublinguale faccia effetto?

Se assunto per via sublinguale, il CBD produce effetti moderati circa 30-45 minuti dopo l’uso [1].

Quanto durano gli effetti del CBD sublinguale?

La durata degli effetti può variare a seconda della persona e della dose utilizzata, ma in media questi effetti raggiungono il picco dopo circa 3-4 ore (o anche 6 o più, a seconda della persona e della dose) [1,2,3].

Vantaggi delle gocce sublinguali di CBD

Assorbimento rapido, elevata biodisponibilità ed effetti più immediati

Uno dei principali vantaggi dell’assunzione di CBD per via sublinguale è il suo rapido assorbimento. La mucosa sotto la lingua è composta da una rete di vasi sanguigni altamente permeabili. L’assorbimento sublinguale consente al cannabidiolo di passare direttamente nel flusso sanguigno e di essere distribuito in tutto il corpo, dove eserciterà i suoi effetti.

L’assorbimento sublinguale ha un doppio vantaggio: da un lato, evita il passaggio attraverso l’apparato digerente e quindi il metabolismo epatico di primo passaggio. Ciò significa che il CBD raggiunge la circolazione sistemica prima di passare attraverso il fegato (che inattiva parzialmente il CBD prima di rilasciarlo nel sangue). Ciò si traduce in una maggiore biodisponibilità del cannabidiolo rispetto alla tradizionale somministrazione orale, come le capsule o le caramelle alla cannabis. Si stima che il CBD sublinguale abbia una biodisponibilità del 116% rispetto all’ingestione [1].

Il secondo vantaggio dell’assorbimento sublinguale e dell’aggiramento del tratto digestivo è che il cannabidiolo passa direttamente nella circolazione sistemica, determinando un effetto più immediato del CBD rispetto all’ingestione diretta. Può essere utile per chi cerca un rapido sollievo dai sintomi o per le situazioni in cui è necessario un rapido effetto del CBD.

L’assunzione di CBD per via sublinguale consente un assorbimento più rapido, una maggiore biodisponibilità del composto ed effetti più immediati, il che può essere un vantaggio per chi cerca un CBD ad azione più rapida.

Dosaggio più preciso e facilità d’uso

Avendo un effetto relativamente più rapido, l’assunzione di cannabidiolo per via sublinguale consente un dosaggio migliore in base agli effetti desiderati e alle esigenze del momento della giornata. Gli effetti del CBD sublinguale possono comparire entro 45 minuti dall’ingestione e durare fino a 3-4 ore o anche di più. Tenete conto di questi orari quando pianificate il dosaggio.

È importante notare che le sensazioni o gli effetti prodotti dal CBD possono variare da persona a persona e che il dosaggio necessario dipende da molti fattori individuali, compreso lo scopo per cui il CBD viene assunto.

Si consiglia di iniziare con dosi basse e di aspettare almeno una settimana o dieci giorni prima di aumentare la quantità di CBD (solo se necessario), in modo da poter osservare i reali effetti del CBD sull’organismo. Questa precauzione consente un’esperienza più sicura ed efficace.

In generale, l’assunzione di CBD per via sublinguale è comoda, semplice e pratica. Molte persone preferiscono questo formato a quello delle capsule o delle gommine.

Uno dei punti deboli della somministrazione sublinguale è il gusto: l’estratto di canapa grezzo ha un sapore forte e leggermente amaro, dovuto ai composti presenti nell’estratto naturale di canapa. Pertanto, se si opta per la via sublinguale, si raccomanda l’uso di olio di CBD purificato, che ha un sapore più neutro.

Confronto tra il CBD sublinguale e altre forme di utilizzo dell’olio di CBD

Sul mercato esistono diversi prodotti a base di cannabidiolo, ognuno con applicazioni specifiche. In caso di dubbi sul modo più appropriato di utilizzare il CBD, è consigliabile rivolgersi a un professionista per una consulenza personalizzata.

Differenze tra CBD orale e CBD sublinguale

Anche se può sembrare quasi la stessa cosa, ci sono differenze tra l’assunzione di CBD per via orale (capsule, cibo o ingestione diretta dell’olio) e il mantenimento del CBD a contatto con la mucosa sublinguale per un certo periodo di tempo prima dell’ingestione. La differenza principale è che una coinvolge il tratto digestivo e l’altra lo utilizza solo parzialmente. Ciò comporta un assorbimento più rapido, una maggiore biodisponibilità e effetti più rapidi del CBD sublinguale rispetto all’ingestione [1].

Differenze tra vaping di CBD e CBD sublinguale

In termini di CBD vaping (in dispositivi come la CBD Vape Pen) e di vaporizzazione della cannabis La via polmonare ha un effetto quasi immediato (pochi minuti), anche se dura poco. L’effetto massimo si verifica dopo 30 minuti e diminuisce progressivamente. Un altro svantaggio è che la vaporizzazione comporta un processo meno discreto o addirittura fastidioso per alcuni consumatori, che trovano più comodo usare il cannabidiolo per via sublinguale [1,3]. Dal punto di vista terapeutico, alcune persone utilizzano l’olio di CBD per via orale e solo quando si verifica un peggioramento acuto ricorrono alla vaporizzazione (ad esempio, persone con dolore cronico o ansia) [4].

Inoltre, il CBD inalato è anche altamente biodisponibile. Quando il cannabidiolo viene inalato, passa direttamente nel flusso sanguigno (come per la via sublinguale, non passa prima attraverso il fegato). Tuttavia, i suoi effetti sono meno potenti rispetto alla via orale [1,3].

Differenze tra CBD e creme di CBD sublinguali

Per quanto riguarda la via topica, per mezzo di creme con CBD per il massaggio Questo ha un effetto localizzato nell’alleviare il dolore o il disagio, ma non viene praticamente assorbito e quello che viene assorbito viene assorbito lentamente [1,3]. In genere non si ritiene che il CBD per uso topico abbia effetti sul resto del corpo. Se il CBD viene utilizzato per alleviare il dolore, possono essere indicate sia la via topica che quella sublinguale. Consultare il medico prima di utilizzare il CBD per il dolore.

Raccomandazioni per l’assunzione di CBD sublinguale

Quando si assume CBD per via sublinguale, è importante tenere a mente alcune precauzioni e raccomandazioni:

  • In generale, il CBD è una sostanza sicura. Seguire le istruzioni di dosaggio consigliate, osservare gli effetti e regolare gradualmente la dose. Si consiglia di prendere in considerazione altri fattori che possono contribuire agli effetti di rilassamento e benessere, come un ambiente calmo e piacevole, luci soffuse, musica, natura e cibo sano. In caso di condizioni mediche, è indispensabile il parere di un professionista.
  • Consultare il medico prima di utilizzare il CBD, soprattutto se si stanno assumendo altri farmaci. Esistono interazioni tra il CBD e alcuni farmaci, quindi assicuratevi che non ci siano controindicazioni nel vostro caso specifico. Solo il medico curante è in grado di rispondere a queste domande.
  • Evitare l’assunzione di CBD in caso di gravidanza o allattamento. In caso di dubbi, consultare il medico.
  • Raccomandiamo un uso legale e responsabile del CBD. Informatevi sulle normative e sulle leggi che regolano l’uso del CBD sublinguale nel vostro Paese.

Legalità e limiti dell’uso del CBD sublinguale

Lo status legale dell’olio di CBD per il consumo orale o sublinguale è controverso: la sua regolamentazione varia a seconda del Paese in cui ci si trova e della sua legislazione specifica. Alcuni Paesi europei, tra cui la Spagna, non consentono la vendita di prodotti a base di CBD per uso orale, quindi la maggior parte dei clienti europei può acquistare olio di CBD solo per uso esterno (topico). Altri Paesi, come la Svizzera, il Regno Unito, il Canada e gli Stati Uniti, consentono e regolano la vendita di prodotti a base di CBD per il consumo orale. Noi di Cannactiva raccomandiamo un uso consapevole e responsabile del CBD sublinguale.

Si noti che questo articolo è solo a scopo informativo e non è inteso a prevenire, diagnosticare o trattare alcuna malattia o sintomo. Il suo contenuto può integrare, ma mai sostituire, la diagnosi o il trattamento di qualsiasi malattia o sintomo. I prodotti Cannactiva non sono farmaci. Consultare il proprio medico prima di utilizzare il CBD.

Dubbi e domande frequenti sull’assunzione di CBD sublinguale

Cosa succede se lascio le gocce di CBD sotto la lingua più a lungo?

Lasciare le gocce di CBD sotto la lingua più a lungo di quanto raccomandato non ne aumenta necessariamente l’efficacia. In genere, si consiglia di tenerli sotto la lingua per 1 – 1,5 minuti. Si noti che è il CBD ad essere assorbito, non l’olio vettore, quindi rimarrà sempre dell’olio in bocca. Si raccomanda di seguire le istruzioni d’uso consigliate e di consultare un professionista prima dell’uso in caso di dubbi.

Ci sono possibili effetti collaterali quando si usa il CBD sublinguale?

Sì, l’uso del CBD sublinguale può avere effetti collaterali, anche se nella maggior parte dei casi sono rari e lievi. Sulla base di dati provenienti da studi clinici condotti su volontari sani, è stato osservato che questi effetti collaterali possono includere diarrea, nausea, diminuzione dell’appetito o stanchezza. Tuttavia, è importante notare che questi problemi si verificano spesso a dosi elevate o in persone particolarmente sensibili agli effetti del CBD (5,6).

Con quale frequenza si assumono le gocce sublinguali di CBD?

Non esiste una risposta unica per tutti. Dipende dalla tolleranza individuale al CBD e dagli effetti desiderati. Alcune persone distribuiscono le gocce sublinguali di CBD su 2 o 3 volte al giorno [4], mentre altre le usano solo una volta, o addirittura ad hoc, piuttosto che quotidianamente. È meglio osservare le proprie sensazioni con il prodotto e consultare un professionista.

Perché il CBD sublinguale ha una biodisponibilità maggiore rispetto a quello ingerito per via orale?

L’ingestione e la via sublinguale sono due forme leggermente diverse di consumo di CBD per via orale. In primo luogo, quando si ingerisce un prodotto a base di CBD (ad esempio capsule o caramelle), il CBD passa nel tratto digestivo e da lì direttamente al fegato. Ciò significa che prima di raggiungere la circolazione sistemica, il CBD viene metabolizzato dagli enzimi epatici. Di conseguenza, una parte del CBD viene inattivata o eliminata prima che raggiunga il flusso sanguigno ed eserciti i suoi effetti, riducendo la sua concentrazione e biodisponibilità nell’organismo. Con la via sublinguale, invece, parte del CBD viene assorbito direttamente in bocca, dove entra direttamente nel flusso sanguigno, bypassando il fegato, evitando così il metabolismo epatico di primo passaggio e aumentando la biodisponibilità del CBD. Ciò significa che il CBD sublinguale ha una biodisponibilità maggiore rispetto a quello ingerito, in quanto raggiunge il flusso sanguigno più velocemente e in una forma più attiva. Alla fine, il CBD assorbito per via sublinguale raggiungerà anche il fegato (più tardi), dove seguirà lo stesso processo del CBD assorbito per via orale. Ovviamente, quando si assume CBD per via sublinguale, si finisce per ingerire anche il CBD, che passa attraverso il tratto digestivo. Il CBD sublinguale avrà effetti ritardati, che possono integrare gli effetti più rapidi del CBD sublinguale.

Referencias
  1. Grotenhermen F. Cannabinoidi per uso terapeutico. Am J Drug Deliv. 2004;2(4):229-240. DOI: 10.2165/00137696-200402040-00003.
  2. Hosseini A, McLachlan AJ, Lickliter JD. Uno studio di fase I sulla sicurezza, la tollerabilità e la farmacocinetica del cannabidiolo somministrato come soluzione oleosa in dose singola e come dose singola e multipla di wafer sublinguale in volontari sani. Br J Clin Pharmacol. 2021 Apr;87(4):2070-2077. doi: 10.1111/bcp.14617. Epub 2020 Nov 18. PMID: 33075170.
  3. García de Palau, M. Caratteristiche delle vie di somministrazione della cannabis – Aggiornamento. Fondazione CANNA. Disponibile su: https://fundacion-canna.es/caracteristicas-de-las-vias-de-administracion-de-cannabis-actualizacion
  4. Bouso, J.C. Relazione sulla CBD. Fondazione CANNA. Disponibile su: https://www.fundacion-canna.es/sites/default/files/pdf/es/fundacion-canna-report-on-cbd-es.pdf
  5. Cunha JM, Carlini EA, Pereira AE, Ramos OL, Pimentel C, Gagliardi R, Sanvito WL, Lander N, Mechoulam R. Somministrazione cronica di cannabidiolo a volontari sani e a pazienti epilettici. . Farmacologia. 1980;21(3):175-85. doi: 10.1159/000137430.
  6. Taylor L, Gidal B, Blakey G, Tayo B, Morrison G. Uno studio di fase I, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, a dose singola ascendente, a dose multipla e a effetto alimentare sulla sicurezza, la tollerabilità e la farmacocinetica del cannabidiolo altamente purificato in soggetti sani. . Farmaci del sistema nervoso centrale. 2018 32:1053-1067. doi: 10.1007/s40263-018-0578-5.

Andrea Rezes Esmeraldino
Ricercatore e formatore sulla cannabis: esperto di prodotti CBD presso Cannactiva. Con una vasta esperienza nel mondo della cannabis, Andrea è un esperto dei prodotti CBD di Cannactiva. Ha a [...]

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)