CBD, marijuana e sesso

CBD, marijuana e sesso

In che modo la marijuana e il CBD influenzano il sesso?

La cannabis è utilizzata da tempo immemorabile e da allora le sono state attribuite ipotetiche proprietà afrodisiache. In India, ad esempio, è noto da secoli il suo utilizzo nel sesso tantrico. Si può dire che dall’antica India ai tempi moderni, la cannabis e il suo potenziale di aumentare il piacere sessuale sono stati un argomento molto dibattuto.

Qual è la verità di queste affermazioni? Che impatto avrà la CBD sulle relazioni sessuali? La marijuana aiuta davvero le persone nei loro sforzi in camera da letto o è solo un mito inebriante? Qual è la verità di tutto questo?

Poche informazioni su cannabis e sesso

Non abbiamo trovato una grande varietà o numero di studi scientifici che trattino la relazione tra marijuana e sesso. Il motivo è chiaro: entrambi, marijuana e sesso, sono tabù storici. Se è difficile trovare informazioni sulle due cose separatamente, fino a poco tempo fa era quasi impossibile riunirle. Ma ci sono studi. Nonostante secoli di tabù sociali, la ricerca sta iniziando a delineare un quadro più chiaro della relazione tra marijuana e CBD per il sesso.

Il sistema endocannabinoide e il desiderio sessuale

Il sistema endocannabinoide ha effetti comportamentali e può essere correlato al piacere sessuale e alla libido. Così conclude un studio in cui il sistema endocannabinoide viene proposto come potenziale bersaglio terapeutico per aiutare ad alleviare i problemi legati alle disfunzioni sessuali che non hanno avuto successo con i trattamenti farmacologici convenzionali. Sembra che i cannabinoidi, per il modo in cui influenzano molteplici risposte comportamentali, possano influenzare il desiderio sessuale e aumentare l’attività legata al sesso.

Studio dell’Università di Stanford su marijuana e sesso

Uno degli studi sulla marijuana e il sesso più discussi degli ultimi tempi è questo, pubblicato sul Journal of Sexual Medicine. Per lo studio, i ricercatori hanno incrociato i dati di 28.000 uomini e 23.000 donne provenienti dal Centro statunitense per il controllo delle malattie. Trae una serie di conclusioni interessanti. Il primo è che le persone che fanno uso di cannabis prima di un rapporto sessuale hanno un maggiore senso di piacere, una sensazione che è particolarmente rilevante per le donne. In secondo luogo, i consumatori abituali di marijuana hanno più rapporti carnali dei non consumatori.

Al contrario, la terza conclusione è che il consumo di cannabis in grandi quantità può produrre esattamente l’effetto opposto: l’inappetenza sessuale. Sebbene questi dati non possano essere considerati definitivi, si può intravedere una tendenza relativa che suggerisce che la cannabis può effettivamente, in quantità adeguate, aumentare la libido.

In che modo la marijuana influenza la libido e le sensazioni di piacere?

I ricercatori di Stanford hanno esaminato solo dati e sondaggi, senza esaminare le motivazioni, che però non sono difficili da trovare.

Da un lato, e questo è stato più che studiato, la cannabis produce diverse alterazioni nell’organismo, compresa l’acutezza di alcuni sensi. È comune che i consumatori di cannabis sentano un’enfasi sul tatto o sul gusto, sensi strettamente legati al piacere amoroso.

Inoltre, alcuni ceppi possono produrre un effetto rinvigorente. E se a tutto questo si aggiunge la relazione, anch’essa dimostrata, tra consumo e aumento dell’appetito, abbiamo un cocktail che potrebbe benissimo aumentare il desiderio sessuale, soprattutto se siamo accompagnati da quella persona che ci eccita così tanto.

Infografica CBD, marijuana e sesso
Cannabis per il sesso (infografica)

CBD marijuana per il sesso: quali effetti ha?

Un’altra ragione potrebbe essere l’effetto rilassante e ansiolitico che il consumo di solito provoca, specialmente di varietà di cannabis ricche di CBD come i fiori di CBD. Se si è rilassati, le persone si sentono meno nervose o sotto pressione, ci si lascia andare in modo più naturale e ciò favorisce il piacere dell’atto. A questo proposito, uno studio pubblicato sul Journal of Psychoactive Drugs sostiene che il CBD o cannabidiolo aiuta a regolare l’inibizione e migliora l’eccitazione sessuale.

Multiorgasmia da cannabis? Un caso estremo

Un altro caso di alto profilo è quello di una donna olandese di 40 anni che si è recata in ospedale perché da una settimana sperimentava orgasmi spontanei. Il caso è stato riportato nel Journal of Sex and Marital Therapy. A quanto pare, il fortunato (o forse non così fortunato) paziente era un assiduo consumatore di sesso e cannabis. Due ragioni che, di per sé, non spiegherebbero questo caso insolito, ma i medici che l’hanno curata non hanno potuto far altro che attribuire questi orgasmi spontanei all’uso della famosa pianta.

Trovate interessante questo articolo? Iscrivetevi alla newsletter per ricevere nuovi articoli e sconti settimanali:

Qual è il responsabile dell’effetto rinvigorente della cannabis, il THC o il CBD?

Ma quale cannabinoide sarebbe responsabile di questo ipotetico aumento della libido? Il THC? CBD o cannabidiolo? La miscela dei due, con gli altri cannabinoidi? Come per tutto ciò che riguarda le applicazioni terapeutiche della marijuana (e la salute sessuale, ovviamente, è un’applicazione terapeutica), non esiste un consenso universale. Alcuni ritengono che il THC, con il suo effetto psicoattivo, sia responsabile delle proprietà di piacere sessuale della cannabis. Ma l’effetto psicoattivo del THC può essere controproducente, soprattutto nelle varietà di marijuana odierne, che sono sproporzionatamente ricche di THC.

Altri attribuiscono questi benefici sessuali al CBD, con le sue proprietà rilassanti e ansiolitiche, che acuiscono i sensi – come confermato dallo studio del Journal of Psychoactive Drugs. E c’è chi, difendendo l’effetto effetto entourage credono che sia la combinazione dei vari cannabinoidi a creare la magia del piacere sessuale.

Inoltre, esistono molte varietà di CBD e di fiori di marijuana, e ogni varietà può avere un effetto diverso a seconda del suo profilo di cannabinoidi e terpenoidi e della quantità di composti, che possono dare un effetto più energizzante o, al contrario, sedativo. Questo è noto come effetto sativa o indica. È qui che entrano in gioco le esigenze del singolo individuo. Ognuno può sperimentare il tipo di cannabis che più gli si addice per consumare il sesso: se un effetto più rilassante, rinvigorente, disinibente, stimolante è più adatto a voi… Quindi dovrete provarlo voi stessi!

Noi, ovviamente, sosteniamo che si può trovare tutto il piacere con il ruolo cruciale del CBD o cannabidiolo nel sesso. Continuate a leggere!

Trovare il giusto equilibrio tra marijuana e sesso: la dose è la chiave del successo

La cannabis e il sesso sono due attività sorprendentemente compatibili: entrambe possono essere godute ancora di più se combinate, ma con moderazione. Trovare il perfetto equilibrio nel dosaggio fa la differenza. Perché non tutto è positivo nel rapporto tra marijuana e sesso.

Già lo studio di Stanford aveva avvertito che un consumo eccessivo può portare all’inappetenza sessuale. Inoltre, il THC, soprattutto in quantità elevate, può essere dannoso. È risaputo che un consumo eccessivo, soprattutto di varietà ad alto contenuto di THC e basso contenuto di CBD, può causare ansia, paranoia o vertigini, sintomi che non vi faranno esattamente eccitare. Occorre prestare attenzione alla varietà di erbe, alla quantità assunta e alla tolleranza di ciascun individuo.

D’altra parte, esistono dati contraddittori. Esaminando la ricerca, si scopre che, per secoli, il consumo di cannabis è stato collegato sia all’aumento che alla diminuzione del desiderio sessuale. Ed è proprio questa controversia di risultati che potrebbe essere compresa dal fatto che è stato documentato, sia negli animali che nell’uomo, che la dose cambia l’effetto. Sembra che dosi elevate (soprattutto di THC) siano associate a una minore attività sessuale, oltre che a maggiori effetti negativi.

Alcuni studi, come quello della Washington State University, sostengono che la cannabis può diminuire il numero di spermatozoi nei maschi e quindi compromettere la funzione riproduttiva. Tuttavia, esiste anche una ricerca dell’ Università di Boston con risultati completamente opposti: essa sostiene che gli uomini che consumano cannabis generano più sperma e hanno livelli più elevati di testosterone. In ogni caso, sembra che queste alterazioni siano principalmente legate al THC.

Marijuana e CBD per la disfunzione erettile

I medici ayurvedici utilizzano da tempo la Cannabis sativa, la pianta da cui derivano la marijuana e il CBD, per trattare la disfunzione erettile. Come funzioni esattamente rimane un mistero. Gli esperti ipotizzano che ciò possa essere dovuto alla sua capacità di rilassare i vasi sanguigni, favorendo così un migliore flusso sanguigno nella zona del pene per migliorare le prestazioni in caso di rapporti sessuali prolungati.

Se non si corre, si vola! Prodotti afrodisiaci alla canapa

Tuttavia, l’industria non è rimasta estranea alla relazione tra i nostri due protagonisti. Oggi esiste una moltitudine di prodotti derivati dalla cannabis che hanno una funzione sessuale, come lubrificanti, creme e oli per massaggi, o anche cioccolatini con scopi afrodisiaci. Vi invitiamo a dare un’occhiata al nostro negozio online di CBDTroverete oli di CBD, fiori di CBD, vaporizzatori di CBD e creme da massaggio di CBD per rallegrare la vostra giornata (o la vostra vita) con il vostro partner. Avete il coraggio di farlo?

  • Olio di CBD Olio di CBD: i suoi effetti sono stabili e duraturi. Assumetelo sotto forma di gocce di CBD, per via sublinguale (orale), almeno 90 minuti prima del momento del bisogno.
  • Vaporizzazioni di CBD Vaporizzazione di CBD: i suoi effetti sono immediati ma non duraturi. Dà una sensazione di benessere e comfort. È possibile combinarli con l’olio di CBD per ottenere un effetto CBD più duraturo.
  • Varietà di fiori di CBD Dovete provare voi stessi quale vi dà il miglior effetto di benessere e piacere. Le preferenze di ogni persona sono uniche. Scoprite il mondo dei fiori di CBD!

Informazioni sul CBD per il sesso (FAQ)

Quali effetti ha il CBD sul sesso?

Sappiamo che il consumo di cannabis spesso porta a un’intensificazione dell’acutezza dei sensi, che è un fattore importante nella fruizione del piacere amoroso. Per questo effetto, è importante anche l’uso di ceppi con proprietà rinvigorenti.

Come influiscono la marijuana e il CBD sul sesso?

La cannabis, sia essa marijuana o CBD, può essere un buon modo per aumentare il piacere sessuale, soprattutto per le donne. Gli studi hanno anche scoperto che i consumatori abituali di cannabis hanno incontri intimi più regolari rispetto a coloro che non ne fanno uso. Ma attenzione! Il dosaggio è la chiave: se volete migliorare le vostre relazioni, non assumete troppa cannabis.

L’eccesso di marijuana riduce la libido sessuale?

È stato osservato che i forti consumatori di marijuana possono subire una leggera perdita della libido. Questo effetto potrebbe essere spiegato dall’effetto narcotico e sedativo del THC, che non si verificherebbe con le varietà di cannabis non THC CBD.

Come assumere il CBD per il sesso?

Non lasciate che ve lo dicano! Provate gli effetti del CBD sul vostro corpo usando le gocce di CBD, vaporizzando con il CBD vape o accendendo dei fiori di CBD. Ricordate che ogni dettaglio è importante: preparate un’atmosfera rilassata, liberate la mente e siate pronti a divertirvi per rendere l’esperienza più piacevole.

Ricordatevi di iscrivervi alla newsletter per ricevere gli ultimi articoli e le offerte esclusive:

Cannactiva
En Cannactiva queremos cambiar la perspectiva sobre el cannabis. Te traemos lo mejor de la planta a través de nuestros productos y de los posts que puedes leer en nuestro [...]

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)