Age Verification

Verifica dell'età

Per continuare, conferma di essere maggiorenne.

Biden annuncia la riclassificazione della Cannabis nella Tabella III

Gli Stati Uniti e la cannabis

Gli Stati Uniti annunciano la riclassificazione della cannabis: un passo verso la riforma della politica sulle droghe

Il 30 aprile 2024, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato che la sua amministrazione riclassificherà la marijuana dalla Tabella I alla Tabella III delle sostanze controllate. Questa decisione mira a porre fine alla lunga guerra federale alla marijuana e a correggere le ingiustizie storiche legate alla sua criminalizzazione.

Riclassificazione della cannabis: da Schedule I a Schedule III

La cannabis è stata vietata per la prima volta a livello federale nel 1937, con il Marihuana Tax Act. Una decisione presa con sfumature razziste, secondo i critici, dato che all’epoca la cannabis era associata alla scena jazz, alle comunità afroamericane e agli immigrati messicani.

Nel 1970, il Controlled Substances Act ha ufficialmente classificato la marijuana come una droga di serie I, la categoria più restrittiva che comprende anche l’eroina e l’LSD, sostanze considerate “prive di valore medico” e con un alto potenziale di abuso.

La guerra della droga degli anni ’70 ha avuto un impatto sproporzionato sulle minoranze, prima che il movimento per la marijuana medica prendesse piede negli anni ’90. Nel 2012 gli Stati hanno iniziato a legalizzare la cannabis a scopo ricreativo per gli adulti e oggi la cannabis è un’industria multimiliardaria negli Stati Uniti. Più della metà degli Stati ha legalizzato l’uso ricreativo e terapeutico, tra cui la California e New York.

La classificazione delle sostanze è oggetto di un costante dibattito, soprattutto con la comparsa di nuove droghe sintetiche. Ciò che sembra chiaro, sulla base di dati scientifici e oggettivi, è che la cannabis non dovrebbe essere inserita nell’elenco più restrittivo delle sostanze controllate. È proprio a questo che cerca di porre rimedio la presente proposta di riclassificazione.

Il fatto che la cannabis sia inserita nella Tabella I non solo è inappropriato, ma complica anche l’accesso ai servizi bancari, ai finanziamenti federali per la ricerca sulla marijuana medica e al commercio interstatale.

Con l’annuncio del Presidente Biden, la cannabis sarà spostata nella Schedule III, una categoria che include sostanze come la ketamina e gli antidolorifici a base di codeina, riconosciute come aventi un “uso medico accettato” e un potenziale di abuso da moderato a basso. Questa riclassificazione riconosce il potenziale medico della marijuana e ridurrà le restrizioni alla ricerca e all’uso medico.

Motivazioni e dichiarazioni del Presidente

Biden ha sottolineato l’importanza di questa misura per rimediare alle ingiustizie del passato causate dalla criminalizzazione della cannabis. Nella sua dichiarazione, ha affermato che“nessuno dovrebbe essere in prigione per aver usato o posseduto marijuana“.

Il Presidente ha inoltre sottolineato che l’attuale classificazione della marijuana è più restrittiva di quella di sostanze come il fentanyl e la metanfetamina, responsabili di una grave crisi di overdose negli Stati Uniti.

Biden ha dichiarato che questa misura si aggiunge ai suoi precedenti sforzi per graziare i condannati per reati legati alla marijuana e per rimuovere gli ostacoli all’alloggio, all’occupazione e ai prestiti per le piccole imprese.

Valutazione scientifica e amministrativa della cannabis

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS) e il Dipartimento di Giustizia (DOJ) hanno esaminato le prove scientifiche sull’uso medico e sul potenziale di abuso della marijuana, concludendo che la sua riclassificazione è necessaria.

L’HHS ha stabilito che la marijuana ha un “uso medico attualmente accettato” (“CAMU”), che la Drug Enforcement Administration (DEA) non può più negare. Questa conclusione si basa su una revisione di diversi studi che supportano l’uso della cannabis per il trattamento di condizioni quali dolore, anoressia e nausea e vomito, senza un elevato rischio per la sicurezza.

Impatto della riclassificazione

La nuova classificazione Schedule III ridurrà le barriere alla ricerca scientifica, permettendo ai ricercatori di studiare più facilmente i benefici e i rischi della cannabis medica.

Inoltre, le aziende produttrici di cannabis potranno dedurre le spese dalle tasse, eliminando un significativo onere fiscale. Questo sviluppo è completato dalla recente proposta di legge sul sistema bancario della marijuana, che mira a facilitare l’accesso ai servizi bancari per le imprese del settore della cannabis negli Stati Uniti, migliorando la capacità del settore di operare e crescere.

Tuttavia, la nuova classificazione della cannabis non depenalizza o legalizza la marijuana a livello federale, né facilita il commercio interstatale. C’è ancora molta strada da fare per ottenere una riforma completa della cannabis.

La proposta di riclassificazione sarà pubblicata nel Registro Federale, aprendo un periodo di commenti pubblici di 60 giorni.

Con questo cambiamento, l’amministrazione Biden-Harris segna un passo significativo verso la modernizzazione della politica sulle droghe e la correzione di decenni di politiche punitive che hanno avuto un impatto negativo su molte comunità.

I prossimi passi

Ora la Drug Enforcement Administration (DEA) ha ricevuto una raccomandazione per riclassificare la marijuana. Dopo la pubblicazione nel Registro Federale, è previsto un periodo di commento pubblico di 60 giorni.

Dopo aver esaminato tutte le informazioni disponibili, la DEA farà una raccomandazione finale sulla riclassificazione della marijuana, in un processo che potrebbe includere un’udienza davanti a un giudice. Il Dipartimento di Giustizia prenderà la decisione finale sulla nuova classificazione della cannabis, basandosi sulle raccomandazioni della DEA, sulle prove scientifiche e sui commenti ricevuti.

Se la decisione sarà a favore della riclassificazione, come tutti gli indizi indicano, la marijuana verrà ufficialmente spostata nella Tabella III.

I prossimi passi

Questa storica riclassificazione potrebbe aprire la strada a future riforme e aumentare la pressione sul Congresso affinché si muova verso la piena legalizzazione della cannabis negli Stati Uniti. Si spera che la notizia serva da catalizzatore per altri paesi per rivedere e riformare la normativa sulla cannabis, promuovere il settore e incoraggiare un dibattito aperto sulla pianta. Non dimentichiamo che la cannabis è ancora fortemente criminalizzata in tutto il mondo.

Cannactiva
En Cannactiva queremos cambiar la perspectiva sobre el cannabis. Te traemos lo mejor de la planta a través de nuestros productos y de los posts que puedes leer en nuestro [...]

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)