Age Verification

Verifica dell'età

Per continuare, conferma di essere maggiorenne.

Benefici del CBD per l’acne

Crema e olio di CBD per la pelle acneica

Se siete alla ricerca di prodotti efficaci per il trattamento dell’acne, acquistare CBD online è la soluzione naturale per eccellenza. In questo post spieghiamo perché il CBD è una promettente alternativa alle creme convenzionali per trattare l’acne in modo efficace e sicuro.

Che cos’è l’acne e come si cura?

L’acne è una condizione comune della pelle caratterizzata da punti neri, punti bianchi, brufoli e forme più gravi come cisti e noduli.

Questa condizione della pelle è causata da diversi fattori, come la sovrapproduzione di sebo, lo spargimento irregolare di cellule cutanee e l’accumulo di batteri Cutibacterium acnes sulla pelle.

Può colpire persone di tutte le età e il fattore più importante nello sviluppo dell’acne è l’eccessiva produzione di sebo, una sostanza oleosa destinata a proteggere la pelle. L’eccesso di sebo provoca l’ostruzione dei follicoli piliferi, creando un ambiente adatto alla crescita dei batteri. Questo provoca l’infiammazione e la formazione di lesioni acneiche.

Il trattamento convenzionale dell’acne comprende applicazioni topiche come retinoidi e perossido di benzoile, nonché farmaci orali come l’isotretinoina e persino la prescrizione di contraccettivi orali nelle donne. Sebbene esistano diversi trattamenti disponibili sul mercato, alcuni di essi possono avere effetti collaterali indesiderati.

Cos’è il CBD e come funziona per l’acne?

Il CBD o cannabidiolo è uno dei principali composti non psicoattivi presenti nella pianta di cannabis(Cannabis sativa). A differenza del THC (tetraidrocannabinolo), un altro composto ben noto della cannabis, il CBD non induce uno “sballo”.

Sebbene il CBD derivi dalla pianta di cannabis, ha applicazioni terapeutiche e non è associato a effetti psicoattivi.

Il CBD interagisce con il sistema endocannabinoide presente nella pelle (1, 2, 3) e in altri organi, influenzando così diversi processi fisiologici. Più specificamente, ci concentreremo ora sugli effetti benefici del CBD per l’acne.

Benefici del CBD per l’acne

È stato riscontrato che l’applicazione topica di olio e crema di CBD può essere un trattamento efficace per l’acne, influenzando la guarigione dell’acne attraverso molteplici meccanismi:

Il CBD ha proprietà antinfiammatorie, regola la produzione di sebo, ha un potenziale antibatterico, può influenzare la proliferazione delle cellule cutanee e offre ulteriori benefici per diverse condizioni della pelle. Ricerche preliminari suggeriscono il suo potenziale nel trattamento dell’acne.

Azione antinfiammatoria

Il CBD ha proprietà antinfiammatorie che possono ridurre il rossore e il gonfiore comunemente associati alle lesioni acneiche (4). Queste proprietà antinfiammatorie del cannabidiolo sono utilizzate anche in molte altre patologie.

Riduzione della produzione di sebo

L’eccessiva produzione di sebo è la causa principale dell’acne. Il CBD regola la produzione di sebo interagendo con le cellule che compongono le ghiandole sebacee, il che aiuta a prevenire l’ostruzione dei pori.

La produzione di sebo nella pelle è regolata dal sistema endocannabinoide, su cui agisce il CBD.

Studi scientifici indicano che le cellule sebacee (le cellule che producono il sebo) presenti nella pelle utilizzano la segnalazione degli endocannabinoidi per regolare e sopprimere in modo significativo la produzione di lipidi o grassi come il sebo (1), quindi il CBD potrebbe avere un effetto benefico sull’acne.

Crema cosmetica per il viso Cannactiva CBD
Crema cosmetica per il viso Cannactiva CBD

Proprietà antibatteriche

È stato suggerito che il CBD abbia proprietà antibatteriche (5). Sebbene non sia stato dimostrato che il CBD da solo inibisca la crescita del batterio Cutibacterium acnes , è stato documentato in studi clinici che il CBD può potenziare l’effetto antibatterico della Centella asiatica per il trattamento dell’acne (6).

Effetto sulla proliferazione delle cellule cutanee

Il CBD, interagendo con il sistema endocannabinoide, può influenzare la crescita e la differenziazione cellulare. Questa interazione è essenziale nei processi di guarigione e rinnovamento della pelle e può essere una via di trattamento per combattere l’acne.

La crescita cellulare è un processo complesso che viene influenzato dalla segnalazione del sistema endocannabinoide (7). Inoltre, il CBD può avere un impatto sulla crescita e sulla differenziazione delle cellule cutanee che, anche se in misura limitata (8, 9), potrebbe contribuire ai processi di guarigione e rinnovamento essenziali per il controllo dell’acne.

Vantaggi aggiuntivi

Oltre agli effetti sull’acne, l’olio e la crema di CBD possono offrire altri benefici per la pelle, come il sollievo da psoriasi, eczema e dermatite atopica (10).

Inoltre, i prodotti infusi di CBD spesso includono una serie di altri ingredienti che possono offrire benefici cosmetici come l’idratazione e il miglioramento della texture della pelle.

Come usare il CBD per l’acne

Gli studi sugli oli e le creme al CBD per il trattamento dell’acne sono limitati. Tuttavia, uno studio ha utilizzato un prodotto con il 3% di estratto di semi di cannabis per diminuire con successo la produzione di sebo (12), quindi gli oli o le creme arricchiti con lo 0,1-10% di CBD possono rappresentare un beneficio per ripristinare la salute della pelle.

Olio di CBD

Applicare una piccola quantità per via topica, direttamente sulle aree interessate, dopo aver deterso la pelle. In genere sono sufficienti alcune gocce di olio di CBD al 2,5%, anche se non è ancora escluso che anche altre concentrazioni di olio di CBD possano essere efficaci.

È importante applicare l’olio di CBD più volte al giorno, poiché la cosa più importante è che la zona desiderata abbia sempre a disposizione il CBD per agire.

Crema al CBD

Massaggiare delicatamente la crema al CBD sulle aree interessate. Il dosaggio varia a seconda del prodotto, ma le istruzioni generali prevedono un’applicazione da due a tre volte al giorno. Consultare le istruzioni del prodotto o un professionista per raccomandazioni specifiche.

Considerazioni e precauzioni

È importante ricordare che l’efficacia del CBD varia da persona a persona. La pazienza e la perseveranza sono fondamentali per ottenere i migliori risultati.

Prima di iniziare un nuovo regime di cura della pelle, anche se si tratta di olio di CBD o crema di CBD, è bene consultare un medico, soprattutto in caso di patologie preesistenti o di assunzione di altri farmaci, tra cui pomate, retinoidi e altri prodotti topici per l’acne.

Effetti collaterali

Il CBD è generalmente considerato sicuro, ma alcune persone possono manifestare effetti collaterali come vertigini, diarrea e variazioni dell’appetito. Se si verificano effetti avversi, interrompere l’uso e consultare un medico.

In conclusione…

Il CBD, con i suoi molteplici meccanismi d’azione, offre un approccio promettente al trattamento dell’acne. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire un profilo di sicurezza a lungo termine per i prodotti a base di CBD nel trattamento dell’acne.

Numerosi studi hanno esplorato il potenziale del CBD come trattamento dell’acne. Sebbene la ricerca sia ancora in corso, i risultati preliminari indicano che le proprietà antinfiammatorie e seboregolatrici del CBD lo rendono un candidato promettente per il trattamento dell’acne (11).

Nota: questo è un articolo informativo e non intende prevenire, diagnosticare o trattare alcuna malattia o sintomo. Il suo contenuto può integrare, ma mai sostituire, la diagnosi o il trattamento di qualsiasi malattia o sintomo. I prodotti Cannactiva non sono farmaci e sono destinati all’uso esterno. Prima di utilizzare il CBD, consultare il proprio medico per maggiori informazioni e consigli personalizzati sul trattamento dell’acne.

Referencias
  1. Dobrosi, N., Tóth, B. I., Nagy, G., Dózsa, A., Géczy, T., Nagy, L., Zouboulis, C. C., Paus, R., Kovács, L., & Bíró, T. (2008). Gli endocannabinoidi aumentano la sintesi lipidica e l’apoptosi dei sebociti umani attraverso la segnalazione mediata dal recettore cannabinoide-2. FASEB journal : official publication of the Federation of American Societies for Experimental Biology, 22(10), 3685-3695. https://doi.org/10.1096/fj.07-104877
  2. Karsak, M., Gaffal, E., Date, R., Wang-Eckhardt, L., Rehnelt, J., Petrosino, S., Starowicz, K., Steuder, R., Schlicker, E., Cravatt, B., Mechoulam, R., Buettner, R., Werner, S., Di Marzo, V., Tüting, T., & Zimmer, A. (2007). Attenuazione della dermatite allergica da contatto attraverso il sistema endocannabinoide. Science (New York, N.Y.), 316(5830), 1494-1497. https://doi.org/10.1126/science.1142265
  3. Ständer, S., Schmelz, M., Metze, D., Luger, T. e Rukwied, R. (2005). Distribuzione dei recettori 1 (CB1) e 2 (CB2) dei cannabinoidi sulle fibre nervose sensoriali e sulle strutture annessiali della pelle umana. Journal of dermatological science, 38(3), 177-188. https://doi.org/10.1016/j.jdermsci.2005.01.007
  4. Peyravian, N., Deo, S., Daunert, S., & Jimenez, J. J. (2022). Gli effetti antinfiammatori del cannabidiolo (CBD) sull’acne. Journal of inflammation research, 15, 2795-2801. https://doi.org/10.2147/JIR.S355489
  5. Blaskovich, M. A. T., Kavanagh, A. M., Elliott, A. G., Zhang, B., Ramu, S., Amado, M., Lowe, G. J., Hinton, A. O., Pham, D. M. T., Zuegg, J., Beare, N., Quach, D., Sharp, M. D., Pogliano, J., Rogers, A. P., Lyras, D., Tan, L., West, N. P., Crawford, D. W., Peterson, M. L. Thurn, M. (2021). Il potenziale antimicrobico del cannabidiolo. Biologia delle comunicazioni, 4(1), 7. https://doi.org/10.1038/s42003-020-01530-y
  6. Cohen, G., Jakus, J., Baroud, S., Gvirtz, R., & Rozenblat, S. (2023). Sviluppo di un efficace trattamento dell’acne a base di CBD ed estratti di erbe: valutazione preliminare in vitro, ex vivo e clinica. Medicina complementare e alternativa basata sull’evidenza: eCAM, 2023, 4474255. https://doi.org/10.1155/2023/4474255
  7. Baswan, S. M., Klosner, A. E., Glynn, K., Rajgopal, A., Malik, K., Yim, S., & Stern, N. (2020). Potenziale terapeutico del cannabidiolo (CBD) per la salute e i disturbi della pelle. Dermatologia clinica, cosmetica e sperimentale, 13, 927-942. https://doi.org/10.2147/CCID.S286411
  8. Chelliah, M. P., Zinn, Z., Khuu, P., & Teng, J. M. C. (2018). Uso autonomo di olio di cannabidiolo topico per l’epidermolisi bollosa. Dermatologia pediatrica, 35(4), e224-e227. https://doi.org/10.1111/pde.13545
  9. Sangiovanni, E., Fumagalli, M., Pacchetti, B., Piazza, S., Magnavacca, A., Khalilpour, S., Melzi, G., Martinelli, G., & Dell’Agli, M. (2019). L’estratto di Cannabis sativa L. e il cannabidiolo inibiscono in vitro i mediatori dell’infiammazione cutanea e delle ferite. Ricerca fitoterapica: PTR, 33(8), 2083-2093. https://doi.org/10.1002/ptr.6400
  10. Petrosino, S., Verde, R., Vaia, M., Allarà, M., Iuvone, T., & Di Marzo, V. (2018). Proprietà antinfiammatorie del cannabidiolo, un cannabinoide non psicotropo, nella dermatite allergica da contatto sperimentale. Journal of pharmacology and experimental therapeutics, 365(3), 652-663. https://doi.org/10.1124/jpet.117.244368
  11. Oláh, A., Tóth, B. I., Borbíró, I., Sugawara, K., Szöllõsi, A. G., Czifra, G., Pál, B., Ambrus, L., Kloepper, J., Camera, E., Ludovici, M., Picardo, M., Voets, T., Zouboulis, C. C., Paus, R., & Bíró, T. (2014). Il cannabidiolo esercita effetti sebostatici e antinfiammatori sui sebociti umani. Journal of clinical investigation, 124(9), 3713-3724. https://doi.org/10.1172/JCI64628
  12. Ali, A. e Akhtar, N. (2015). Sicurezza ed efficacia di una crema al 3% di estratto di semi di cannabis per la riduzione del contenuto di sebo ed eritema della pelle delle guance umane. Pakistan journal of pharmaceutical sciences, 28(4), 1389-1395.

Masha Burelo
Investigadora en cannabinoides | Doctoranda en Neurociencia

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)