Il CBD può ridurre i sintomi delle allergie?

CBD per le allergie

In occasione della Giornata Mondiale delle Allergie, vi proponiamo questo post su CBD e allergie per scoprire tutto ciò che è attualmente oggetto di ricerca sull’argomento.

Le allergie sono molto comuni al giorno d’oggi. Che siano stagionali, alimentari, cutanee o di altro tipo, le allergie hanno un impatto significativo sul benessere di una persona. Cannabidiolo (CBD) il fitocannabinoide non psicoattivo per eccellenza, ha guadagnato popolarità grazie ai suoi potenziali benefici per la salute. Sebbene alcuni studi suggeriscano che il CBD abbia potenziali effetti sul sistema immunitario, potrebbe giovare alle allergie combattendo l’infiammazione.

CBD e allergie: Legame tra allergie e sistema endocannabinoide

Che cos’è un’allergia?

Le allergie sono una reazione esacerbata del sistema immunitario a sostanze generalmente innocue, note come allergeni. Gli allergeni più comuni sono il polline, gli acari della polvere, alcuni alimenti, la forfora degli animali domestici, le punture di insetti e i farmaci.

Il sistema immunitario nelle allergie

Quando una persona allergica è esposta a un allergene, il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo e inizia a rilasciare anticorpi come le immunoglobuline E (IgE), che innescano il rilascio di istamina e altre sostanze chimiche.

L’istamina è responsabile di sintomi quali prurito, starnuti e lacrimazione. Per questo motivo la terapia principale e immediata per una risposta allergica è rappresentata dagli antistaminici.

Sistema endocannabinoide e sistema immunitario

Il sistema endocannabinoide è costituito da enzimi, cannabinoidi endogeni e recettori endocannabinoidi, i più importanti dei quali sono i recettori CB1 e CB2.

I recettori dei cannabinoidi, in particolare i recettori CB2, sono ampiamente distribuiti nelle cellule immunitarie.

Effetti del CBD sul sistema immunitario e sui sintomi delle allergie

Il CBD è il principale cannabinoide non psicoattivo della pianta di cannabis, noto per il suo valore terapeutico. Il suo interesse deriva dalle sue diverse proprietà, come gli effetti analgesici, antipsicotici, antiossidanti e antinfiammatori (1).

Questo cannabinoide è in grado di interagire con i recettori cannabinoidi CB1 e CB2. Tuttavia, una parte significativa degli effetti biologici del CBD si verifica senza il coinvolgimento dei recettori CB1 o CB2 (2), poiché il CBD può legarsi ad altri tipi di recettori presenti nelle cellule immunitarie.

Il CBD modula la risposta immunitaria aumentandola o diminuendola. Quest’ultima è chiamata immunosoppressione ed è una proprietà predominante della CBD.

L’immunosoppressione indotta dal CBD avviene sopprimendo direttamente l’attivazione di diversi tipi di cellule immunitarie, promuovendo la morte cellulare (apoptosi) e facilitando la generazione di cellule immunoregolatrici. Queste cellule regolatorie aiutano poi a regolare altri bersagli delle cellule immunitarie, contribuendo agli effetti immunomodulanti complessivi del CBD (3).

La capacità immunosoppressiva del CBD si è dimostrata utile per le malattie autoimmuni (4, 5), ma non è ancora stata dimostrata l’efficacia per le allergie.

Va notato che l’effetto immunosoppressivo del CBD si verifica solo in condizioni di malattia, in quanto il CBD può bloccare l’attivazione dei meccanismi immunitari che si verificano in risposta a uno stimolo, cioè il CBD non abbassa l’immunità di una persona sana.

D’altra parte, il CBD può stimolare il sistema immunitario, anche se in misura minore. Questi effetti opposti sono il motivo per cui il CBD è oggetto di studio, poiché le ragioni che innescano la modulazione non sono ancora del tutto note.

Come può il CBD aiutare i sintomi delle allergie?

L’efficacia effettiva del CBD nel trattamento dei sintomi dell’allergia non è nota perché la ricerca è carente. In teoria, i dati attuali suggeriscono che il CBD può alleviare le allergie in modo indiretto, in quanto può ridurre la risposta infiammatoria derivante dall’allergia.

Forse le ricerche future evidenzieranno altri meccanismi di azione del CBD. Ma secondo le attuali ricerche scientifiche, i potenziali benefici del CBD per le allergie si limitano alle sue proprietà antinfiammatorie.

Attuali studi allergologici sul CBD

Ad oggi, gli studi scientifici su CBD e allergie sono molto scarsi. Una pubblicazione ha riportato effetti positivi quando il CBD è stato utilizzato per l’infiammazione allergica delle vie aeree in un modello di roditore (6). È stato anche suggerito che il CBD possa essere favorevole alla dermatite allergica grazie alla sua azione antinfiammatoria sulla pelle (7).

Il potenziale dei terpeni della cannabis per le allergie

Altri componenti della cannabis che sono di interesse per le allergie potrebbero essere i terpeni . I terpeni sono composti aromatici presenti in piante come la cannabis e sono responsabili dei loro aromi e di alcune proprietà terapeutiche. Alcuni terpeni come il limonene, il mircene, il pinene e il linalolo, che si trovano in diverse varietà della pianta di cannabis, hanno la capacità di produrre un effetto antinfiammatorio (8).

Su questa base, in teoria, un CBD a spettro completo potrebbe dare risultati migliori, dato che i terpeni hanno anche un’azione antinfiammatoria. Può anche darsi che il sollievo dall’infiammazione sia potenziato dall’effetto entourage che, sebbene non sia stato dimostrato per le allergie, è una premessa che è stata convalidata per altre patologie.

Sebbene alcuni sostengano che l’aromaterapia possa alleviare le allergie, è importante notare che la ricerca scientifica in questo campo è insufficiente e le prove non sono conclusive.

Considerazioni e precauzioni quando si usa il CBD per le allergie

Come si può usare l’olio di CBD per trattare le allergie?

Nel complesso, sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire l’efficacia del CBD per i sintomi dell’allergia. Si consiglia di consultare un medico professionista per ottenere consigli personalizzati e opzioni di trattamento per controllare le allergie.

Per l’uso in caso di dermatite, sembrano essere raccomandate applicazioni di crema, unguento o olio al CBD quattro volte al giorno (9), o comunque in misura sufficiente a mantenere un rilascio costante di CBD nella pelle.

L’uso del CBD per le allergie deve essere valutato con cautela per evitare interazioni farmacologiche. Poiché gli antistaminici comunemente usati per trattare le allergie sono metabolizzati dagli stessi enzimi epatici del CBD, la combinazione del CBD con gli antistaminici potrebbe produrre effetti negativi.

Inoltre, bisogna considerare che la dose necessaria di CBD tende a essere molto variabile e non esiste una dose definita di CBD per trattare l’allergia o l’infiammazione.

Ci auguriamo che questo post sulle attuali ricerche sul CBD e sulle allergie vi sia stato utile. Si noti che questo articolo è solo a scopo informativo e non è destinato a prevenire, trattare o diagnosticare alcuna malattia. I prodotti Cannactiva non sono farmaci. Consultare un professionista della salute in caso di allergie e prima di utilizzare il CBD.

Referencias
  1. Pisanti, S., Malfitano, A. M., Ciaglia, E., Lamberti, A., Ranieri, R., Cuomo, G., Abate, M., Faggiana, G., Proto, M. C., Fiore, D., Laezza, C., & Bifulco, M. (2017). Cannabidiolo: stato dell’arte e nuove sfide per le applicazioni terapeutiche. Pharmacology & therapeutics, 175, 133-150. https://doi.org/10.1016/j.pharmthera.2017.02.041
  2. Giorgi V, Marotto D, Batticciotto A, Atzeni F, Bongiovanni S, Sarzi-Puttini P. Cannabis e autoimmunità: possibili meccanismi d’azione. Immunotarget Ther. 2021 Jul 21;10:261-271. https://doi.org/10.2147/ITT.S267905
  3. Nichols, J. M. e Kaplan, B. L. F. (2020). Risposte immunitarie regolate dal cannabidiolo. Cannabis e ricerca sui cannabinoidi, 5(1), 12-31. https://doi.org/10.1089/can.2018.0073
  4. Jones, É. e Vlachou, S. (2020). Una revisione critica del ruolo dei composti cannabinoidi Δ9-Tetraidrocannabinolo (Δ9-THC) e Cannabidiolo (CBD) e della loro combinazione nel trattamento della sclerosi multipla. Molecules (Basilea, Svizzera), 25(21), 4930. https://doi.org/10.3390/molecules25214930
  5. Mathur, K., Vuppalanchi, V., Gelow, K., Vuppalanchi, R. e Lammert, C. (2020). Consumo di cannabidiolo (CBD) e impatto percepito sui sintomi extraepatici in pazienti con epatite autoimmune. Malattie e scienze dell’apparato digerente, 65(1), 322-328. https://doi.org/10.1007/s10620-019-05756-7
  6. Vuolo, F., Abreu, S. C., Michels, M., Xisto, D. G., Blanco, N. G., Hallak, J. E., Zuardi, A. W., Crippa, J. A., Reis, C., Bahl, M., Pizzichinni, E., Maurici, R., Pizzichinni, M. M. M., Rocco, P. R. M., & Dal-Pizzol, F. (2019). Il cannabidiolo riduce l’infiammazione e la fibrosi delle vie aeree nell’asma allergico sperimentale. European journal of pharmacology, 843, 251-259. https://doi.org/10.1016/j.ejphar.2018.11.029
  7. Baswan, S. M., Klosner, A. E., Glynn, K., Rajgopal, A., Malik, K., Yim, S. e Stern, N. (2020). Potenziale terapeutico del cannabidiolo (CBD) per la salute e i disturbi della pelle. Dermatologia clinica, cosmetica e sperimentale, 13, 927-942. https://doi.org/10.2147/CCID.S286411
  8. Del Prado-Audelo, M. L., Cortés, H., Caballero-Florán, I. H., González-Torres, M., Escutia-Guadarrama, L., Bernal-Chávez, S. A., Giraldo-Gomez, D. M., Magaña, J. J., & Leyva-Gómez, G. (2021). Applicazioni terapeutiche dei terpeni sulle malattie infiammatorie. Frontiere della farmacologia, 12, 704197. https://doi.org/10.3389/fphar.2021.704197
  9. Xu, D. H., Cullen, B. D., Tang, M. e Fang, Y. (2020). L’efficacia dell’olio di cannabidiolo topico nel sollievo sintomatico della neuropatia periferica degli arti inferiori. Current pharmaceutical biotechnology, 21(5), 390-402. https://doi.org/10.2174/1389201020666191202111534

Masha Burelo
Investigadora en cannabinoides | Doctoranda en Neurociencia

Mi Cesta0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
Aprire la chat
1
Avete bisogno di aiuto?
Ciao!
Possiamo aiutarvi?
Attenzione Whatsapp (lunedì-venerdì/ 11.00-18.00)